Apple, per Wedbush “recente debolezza titolo è opportunità d’oro di acquisto”

11 Marzo 2021, di Mariangela Tessa

La recente debolezza del titolo Apple è “un’opportunità d’oro” per acquistare azioni di Cupertino.  La pensa così Dan Ives, analista di Wedbush, che in una nota recente ha alzato il prezzo obiettivo a 225 dollari dai precedenti 175 dollari (rating outperform).

Dopo il rally del quarto trimestre 2020, le azioni di Apple hanno ripreso fiato, ha spiegato l’analista Ives. Ma la recente debolezza, ha detto l’analista, è solo a uno stop temporaneo sulla traiettoria ascendente del titolo, che porterà il gruppo a raggiungere i 3 mila miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato entro la fine dell’anno contro i poco più di 2 mila miliardi attuali.

Il prezzo delle azioni è sceso da un massimo di $ 143,16 il 26 gennaio a $ 119 di ieri,- 10% da inizio anno.

Per l’analista, Apple ha il potenziale per vendere più di 240 milioni di unità di iPhone nell’anno fiscale 2021. Un numero superiore all’attuale previsione di consenso di 220 milioni di unità e probabilmente eclisserà facilmente il precedente record annuale di 230 milioni di unità stabilito dalla società nell’anno fiscale 2015. 

Apple, verso taglio produzione iPhone?

Ma non sono solo notizie positive quelle arrivate nelle ultime ore sul fronte Apple. Secondo una notizia diffusa ieri dall’agenzia di stampa Nikkei Asia, il gruppo avrebbe deciso di tagliare la produzione degli iPhone, nei primi sei mesi del 2021, di oltre il 20% rispetto alle previsioni di dicembre, da 96 a 75 milioni di unità.
La notizia, diffusa ieri dall’agenzia di stampa Nikkei Asia, ha fatto perdere alla società di Cupertino l’1% a Wall Street rendendo Apple l’unico titolo in negativo sul Dow Jones.

La maggior parte dei tagli – fa sapere Nikkei Asia – riguarda l’iPhone 12 Mini, vista la domanda debole per il modello meno caro. Per l’intero anno, l’obiettivo di produzione resta di 230 milioni di smartphone, secondo Nikkei, in rialzo dell’11,6% rispetto al 2020.