Amazon, licenziamenti anche nel 2023

18 Novembre 2022, di Alessandra Caparello

Tremano i dipendenti di Amazon, che potrebbero dover aspettare fino all’anno prossimo per sapere se i loro posti di lavoro sono al sicuro. Dopo Meta e Twitter, anche all’interno del colosso di Seattle si respira aria di licenziamenti, fino a 10mila posizioni in bilico, come ha avuto modo di precisare l’amministratore delegato Andy Jassy.

I team leader  stanno ancora prendendo decisioni, che saranno condivise con i dipendenti e le organizzazioni interessate all’inizio del 2023, dice Jassy. “Il nostro processo di pianificazione annuale si estende al nuovo anno, il che significa che ci saranno altre riduzioni di ruolo mentre i leader continuano a fare aggiustamenti“, ha scritto Jassy in una nota ai dipendenti.

Amazon ha confermato di aver già effettuato tagli a due divisioni – dispositivi e libri – e che sono in arrivo riduzioni ad altre due: negozi e persone, esperienza e tecnologia. I negozi coprono la maggior parte delle attività di consumo dell’azienda, compresi i negozi online e fisici, il mercato per i venditori terzi e il servizio di abbonamento Prime di Amazon.

Il gruppo dispositivi comprende l’assistente vocale Alexa, il dispositivo sanitario Halo e il robot domestico Astro, oltre a Kindle, prodotti per la casa intelligente e altoparlanti Echo. Per i dipendenti che si occupano di Alexa, i tagli ai posti di lavoro hanno riguardato diversi progetti, dal gioco al controllo dell’auto fino alla salute e al benessere, secondo i post su Linkedin degli ex dipendenti.

Secondo un ex dipendente che ha chiesto di rimanere anonimo, alcuni team dell’organizzazione dei dispositivi erano già a corto di personale prima del taglio dei posti di lavoro. Dopo tre anni in azienda, è arrivato un invito a una riunione di 15 minuti martedì mattina con la leadership, le risorse umane e il loro manager. “Ovviamente a quel punto ho capito cosa stava per succedere”, ha detto l’ex dipendente. “È stata una sorpresa la rapidità con cui è successo tutto, e non era davvero chiaro come avessero deciso chi licenziare”. Amazon ha dichiarato che aiuterà i lavoratori colpiti a trovare nuovi ruoli all’interno dell’azienda, secondo un post apparso sul blog di Dave Limp, vicepresidente senior di dispositivi e servizi. Per coloro che non riusciranno a trovare una nuova posizione, Amazon offrirà un’indennità di licenziamento, benefici transitori e supporto per trovare lavoro altrove.

“L’economia rimane in una situazione difficile e noi abbiamo assunto rapidamente negli ultimi anni”, ha sottolineato Jassy. È stata “senza dubbio la decisione più difficile” che abbia preso da quando è nel gruppo, in quanto “non si eliminano soltanto dei ruoli, ma piuttosto persone con emozioni, ambizioni e responsabilità le cui vite saranno influenzate. La chiave sarà fare ciò che Amazon sa fare meglio – ossessionarsi per i clienti e inventare incessantemente per loro conto – e se lo facciamo, dovremmo essere tutti molto ottimisti riguardo al futuro di Amazon. So di esserlo”.