Alphabet: Eric Schmidt fa un passo indietro, non sarà più presidente

22 Dicembre 2017, di Mariangela Tessa

Eric Schmidt segue le orme di Bill Gates. Come è successo per il fondatore di Microsoft, l’ex amministratore delegato di Google e attuale presidente del cda di Alphabet, la holding di controllo, ha comunicato che lascerà infatti i suoi incarichi operativi in occasione della prossima riunione del board a gennaio pur rimanendo come consulente tecnico e membro del medesimo cda.

Ingegnere, businessman, Schmidt, era arrivato in forze a Google nel 2001 quando il gruppo contava solo poche centinaia di dipendenti e ne è divenuto il ceo dieci anni dopo.

Ha mantenuto poi quel ruolo anche dopo la trasformazione del controllo societario che ha dato vita ad ad Alphabet nel 2015. È, secondo Forbes, il 119esimo uomo più ricco al mondo con un patrimonio da 11 miliardi di dollari.

“Larry, Sergey, Sundar e io crediamo che questo sia il momento giusto nell’evoluzione di Alphabet per questa transizione” ha detto Schmidt facendo riferimento ai cofondatori, Larry Page e Sergei Brin oltre che all’attuale ceo Pichai Sundararajan”. “La struttura di Alphabet funziona bene e tutte le altri grandi sfide stanno andando molto bene. Nel corso degli ultimi anni ho dedicato molto del mio tempo a questioni di scienza e tecnologia e alla filantropia e intendo espandere ulteriormente questo mio lavoro”.