Alibaba sbarca in Italia e punta al Milan. Berlusconi venderà?

28 Aprile 2016, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – Si chiama Jack Ma, imprenditore cinese di 52 anni, uno degli uomini più ricchi del mondo, fondatore di Alibaba, gigante dell’e-commerce cinese. Perchè ne parliamo? Potrebbe essere lui il nuovo acquirente del Milan, la squadra di calcio di casa Berlusconi da oltre trent’anni.

Già comproprietario del Guangzhou Evergrande Taobao, il club più importante della Chinese Super League già allenato da Marcello Lippi, Jack Ma figura tra i potenziali investitori della cordata che entro la fine della settimana potrebbe ottenere da Silvio Berlusconi l’ok finale alle trattative in corso sulla vendita di una quantità al momento imprecisata di quote azionarie del Milan. La proposta originaria della cordata made in China prevede il 70% delle quote subito al fondatore di Alibaba e il restante 30% entro un anno. Manca l’ok definitivo del proprietario del Milan che potrebbe così decretare la fine di un trentennio in mano alla famiglia Berlusconi.

Nell’operazione potrebbe entrare anche l’ex Ct della nazionale Italiana, Claudio Lippi in qualità di  direttore tecnico, personaggio ben voluto dagli asiatici al punto che il presidente della Repubblica Xi Jinping lo vorrebbe al Mondiale 2026.  Intanto si attende l’assemblea degli azionisti del Milan e il successivo consiglio d’amministrazione, che porteranno alla luce le intenzioni di Berlusconi sulla proposta cinese e sul futuro del Milan che potrebbe avere così un nuovo assetto societario già per la prossima stagione 2016-17. Fininvest, la holding della famiglia Berlusconi, starebbe valutando proprio in queste ore l’esatta composizione della cordata al fine di sottoporre l’intero pacchetto l’ex premier per l’assenso finale.

Per ora nessuno commenta. Bocche cucite sia in Cina che in Italia. “Non commentiamo i rumor” è stata la  risposta dell’ufficio di pubbliche relazioni per l’Europa del gruppo Alibaba, mentre Pier Silvio Berlusconi, l’ad di Mediaset a margine dell’assemblea degli azionisti si è limitato a dire:

 “Non so niente, non posso dire niente… Del Milan sono solo tifoso”.