Alert FMI sui conti: “Italia rischia recessione”. Bocciata quota 100

14 Novembre 2018, di Mariangela Tessa

Il Fondo monetario internazionale striglia l’Italia sui conti pubblici e boccia senza appello la riforma quota 100. Lo ha fatto ieri tramite il suo ultimo rapporto in cui l’istituto di Washington afferma che la crescita dell’Italia sarà pari a “circa l’1% nel 2018-2020” e poi diminuirà da allora in poi.

Più alta dei calcoli del governo anche la voce del deficit:

“Il deficit complessivo del 2019 è previsto al 2,75% del Pil. Per il 2020-2021 è stimato al 2,8-2,9% a meno che non ci sia ampio sostegno politico per attivare la clausola di salvaguardia sull’Iva o per trovare misure compensative”  spiega il Fondo, che “si è però rivelata difficile da attuare in passato”.

L’organismo di Washington allunga quindi un’ombra sulla crescita, paventando il rischio di recessione che potrebbe derivare da livelli di debito troppo alti.

Nel documento, il Fondo stima che il debito pubblico italiano

“resterà intorno al 130% nei prossimi 3 anni” e mette in guardia da eventuali shock anche modesti, che “aumenterebbe il debito aumentando il rischio che l’Italia sia costretta ad un consolidamento di bilancio maggiore quando l’economia si indebolisce. Questo potrebbe trasformare un rallentamento in una recessione”.

Bocciata infine senza appello la riforma del governo M5S-Lega sulle pensioni, ovvero la quota 100, che aumenterebbe ulteriormente la spesa pensionistica, imporrebbero pesi ancora maggiori sulle generazioni più giovani, lascerebbero meno spazio per politiche per la crescita e porterebbero a minori tassi di occupazione tra i lavoratori più anziani», sostiene ancora il Fondo.
“È improbabile che l’ondata di pensionamenti creerebbe altrettanti posti di lavoro per i giovani”.
Le previsioni dell’istituto di Washington sull’Italia arrivano mentre si addensano le nubi sulla ripresa globale. Per l’istituto di Washington, la crescita mondiale sta rallentando e mette in guardia dal fatto che il sentiment degli investitori potrebbe subire un “capovolgimento improvviso” in peggio.