WALL STREET PARTE BENE NONOSTANTE RIALZO GREGGIO

14 dicembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Apertura in leggero rialzo a Wall Street, con gli acquisti concentrati sul comparto tecnologico. Il Dow Jones avanza dello 0.13% a 12333, l’S&P500 dello 0.21% a 1416, il Nasdaq e’ in rialzo dello 0.40% a 2442. Bene le notizie societarie ed economiche, pressioni dal greggio dopo la decisione OPEC.

In mattinata sono risultate migliori delle attese le trimestrali delle banche d’affari Bear Stearns ([[BSC]]) e Lehman Brothers ([[LEH]]). In rialzo il titolo della prima, cedono terreno le azioni dell’altra. Le aspettative per le societa’ del comparto restano piuttosto alte: martedi’ scorso Goldman Sachs ha riportato risultati brillanti ma il titolo ha ceduto quasi l’1%.

Sul fronte macro, ad offrire supporto e’ il calo delle nuovi richieste di sussidio da parte dei senza lavoro, scese di 20 mila unita’ la scorsa settimana a quota 304 mila (consensus 320 mila); in leggero rialzo (+0.2%) i prezzi all’importazione.

Nel comparto energetico il petrolio sta proseguendo la risalita, in seguito alla decisione dell’OPEC di adottare un ulteriore taglio alla produzione (mezzo milione di barili al giorno) a partire dal primo novembre 2007. I futures con scadenza gennaio segnano un progresso di 63 centesimi a $62 al barile.

Tornando al comparto societario, la societa’ di abbigliamento Costco Wholesale ([[COST]]) ha riportato una trimestrale superiore alle attese (EPS di un centesimo superiore al consensus); il titolo e’ in buon rialzo nonostante alcuni problemi legati all’assegnazione delle stock options, per cui il gruppo sara’ costretto a sostenere un inatteso pagamento di $70 milioni nel secondo trimestre.

Dopo la chiusura delle borse verranno resi noti anche i risultati trimestrali del colosso software Adobe Systems ([[ADBE]]).

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link style="color:blue">INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario, l’euro e’ in calo rispetto al dollaro a quota 1.3186. L’oro arretra di appena 90 centesimi a $631.50 all’oncia. In ribasso i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.581%.

Hai dimenticato la password?