FT: «TITOLI DI STATO A RISCHIO NELL’EUROZONA»

5 dicembre 2007, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – La crisi dei mutui subprime nei prossimi mesi, e in particolare a gennaio, potrebbe danneggiare anche il mercato dei titoli del debito pubblico europeo. A lanciare l’allarme è il Financial Times, secondo il quale «un’ondata di illiquidità ha colpito i bond governativi e rischia ora di danneggiare la capacità di alcuni governi di raggiungere gli obiettivi di finanziamento dei prossimi mesi». Secondo il Ft, la crisi dei mutui subprime Usa sta contagiando settori finora restati immuni, «inclusi quelli tradizionalmente sicuri degli eurobond governativi. E la situazione potrebbe farsi più problematica per quei governi dell’eurozona e per quella fascia di emittenti regionali, tra cui agenzie sovrannazionali o semi-governative, che tradizionalmente emettono una grossa fette di obbligazioni sul debito all’inizio dell’anno».

Mercato volatile? Si’, e con news gratis, non riesci a valutarne tutte le opportunita’ e i rischi. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link style="color:blue">INSIDER

In particolare, un analista di Société Générale stima che i Paesi europei emetteranno il prossimo anno circa 570 miliardi di euro di bond, di cui circa 70 miliardi a gennaio. Intanto ieri, il secondario italiano ha registrato un rialzo concentrato sulla parte intermedia della curva, con una buona performance del decennale per via di «riposizionamenti di portafoglio». In particolare, il differenziale di riferimento fra i tassi dei decennali Usa e tedesco ha mostrato un ampiamento rivelando una migliore performance dei titoli del Tesoro Usa.

Copyright © – Finanza&Mercati. Riproduzione vietata. All rights reserved

parla di questo articolo nel Forum di WSI

Hai dimenticato la password?