WALL STREET: TUTTI I RIFLETTORI SUL NASDAQ

31 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il tabellone elettronico termina la seduta recuperando oltre il 2,7% dopo la correzione della scorsa settimana, mentre l’indice delle Blue Chip – cancellati i guadagni di giornata – si tiene a malapena sopra la soglia di parita’.

Il Nasdaq ha chiuso a 3.766,99 (+2,84%), il Dow Jones ha chiuso a 10.521,98 (+0,10%), l’S&P 500 a 1.430,83 (+0,77) e il Russell 2000 a 500,63 (+2,12%).

Le quotazioni ai minimi nel comparto tecnologico hanno attirato liquidita’, ma gli investitori sono partiti con i piedi di piombo e le prime ore di scambi hanno lasciato temere un’altra giornata di tregenda sul tabellone elettronico del Nasdaq, reduce dalla correzione della scorsa settimana.

Le incertezze – spiegano gli operatori – riguardano sempre le prospettive di crescita delle aziende durante la seconda meta’ dell’anno.

Il dato relativo all’Indice dei responsabili degli acquisti di Chicago, un’anticipazione di quello nazionale, in calendario per domattina, si attesta a quota 52, in netta flessione rispetto al 56,8 registrato in giugno.

Questo conferma il rallentamento della crescita dell’economia Usa, un segnale positivo sul fronte del costo del denaro (la Fed dovrebbe soprassedere a un aumento dei tassi in agosto), ma allarmante sul fronte dei profitti societari.

Gli investitori si sentono presi fra l’incudine e il martello e gli analisti sono pronti a scommettere che gli indici rimarranno in preda alla volatilita’ sino alla fine dell’estate.

Un segnale di ottimismo giunge tuttavia da Paine Webber, una delle piu’ prestigiose firme di Wall Street, che prevede per l’indice Standard & Poor 500 (il cosiddetto indice allargato) un rialzo del 20% entro la fine dell’anno.

Sui listini avanzano assicurazioni, alluminio, atrezzature per ufficio, giocattoli, semiconduttori e biotecnologie.

Segno meno per farmaceutico, sanita’ petrolifero e distribuzione.

Tra i principali titoli in movimento quest’oggi sulla borsa di New York:

Nel settore dell’energia, FLP Group (FPL), la societa’ che controlla la piu’ grande azienda elettrica della Florida, ha chiuso con un’offerta di $13,9 miliardi le trattative per l’acquisizione in Louisiana di Entergy Corp. (ETR), balzando al primo posto negli Stati Uniti per numero di utenti. Il titolo FLP ha perso quest’oggi l’ 8,25%, mentre il titolo Entergy ha perso poco piu’ del 10%.(Vedi articolo WSI delle 7:43)

Nel settore finanziario, Paine Webber (PWJ), una delle piu’ prestigiose firme di Wall Street, ha diffuso questa mattina un rapporto secondo cui l’indice Standard & Poor 500 raggiungera’ quota 1.715 punti entro la fine dell’anno. Il cosiddetto indice allargato ha chiuso venerdi’ scorso a quota 1.419. Il titolo Paine Webber ha chiuso la giornata di contrattazioni con un rialzo dello 0,5%.(Vedi articolo WSI delle 8:14)

Nel settore delle telecomunicazioni, Ford Motor (F) ha raggiunto un accordo di joint venture con Qualcomm (QCOM) per la fornitura del servizio di telefonia cellulare agli automobilisti. Il titolo Ford ha segnato un rialzo dell’ 1,25%, mentre il titolo Qualcomm ha guadagnato il 3,75%.(Vedi articolo WSI delle 9:06)

Nel settore Internet, Juno Online (JWEB) e’ il primo fornitore di accesso a Internet a entrare nella rete cablata di Time Warner (TWX). L’accordo suona come la risposta alle perplessita’ sollevate dalle autorita’ di controllo Usa circa la fusione tra America Online (AOL) e Time Warner. Il titolo Juno Online ha guadagnato poco piu’ del 17%, Time Warner ha segnato un rialzo del 2,5% e il titolo AOL ha perso quasi l’ 1%.(Vedi articolo WSI delle 8:30)

Nel settore del tabacco, Philip Morris (MO) e R.J. Reynolds Tobacco (RJR) hanno aumentato il prezzo all’ingrosso delle sigarette a 6 centesimi di dollaro (oltre 120 lire italiane). Il titolo Philip Morris ha perso oggi lo 0,25%, mentre il titolo R.J. Reynolds Tobacco ha guadagnato l’ 1,75%. (Vedi articolo WSI delle 9:16)

Nel settore dei servizi per l’educazione, National Computer Systems (NLCS) ha guadagnato poco piu’ del 23,5% dopo la notizia che il gruppo editoriale britannico Pearson acquisira’ la societa’ per $2,5 miliardi.

Nel settore farmaceutico, Bristol-Myers Squibb (BMY) ha ottenuto l’approvazione dalla Food and Drug Administration per la prima crema per la rimozione dei peli superflui che richieda la prescrizione medica. Alla chiusura dei mercati, il titolo Bristol-Myers ha perso quasi l’ 1%. (Vedi articolo WSI delle 10:02)

Sempre nel settore farmaceutico, Cephalon (CEPH) ha perso quest’oggi oltre il 36% dopo l’annuncio che la sperimentazione clinica del farmaco Provigil non ha prodotto i risultati sperati.(Vedi articolo WSI delle 10:23)

Nel settore Internet, la divisione di commercio elettronico della giapponese Softbank Corp. ha annunciato una joint venture con Priceline.com (PCLN) per la creazione di un sito di aste su Internet in Giappone. Il titolo Priceline ha perso lo 5,5%. (Vedi articolo WSI delle 10:42)

Nel settore high tech, Redback Networks Inc. (RBAK) ha annunciato questa mattina l’acquisizione di Abatis Systems Corp., una societa’ canadese a capitale privato che fornisce l’accesso a Internet, per $631,8 milioni in azioni. Il titolo Redback Networks ha guadagnato poco piu’ del 3%.(Vedi articolo WSI delle 11:10)

Ecco di seguito le lista dei 10 titoli al New York Stock Exchange (dati non ufficiali di chiusura) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure definitive su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(NOK) Nokia Corporation 16,167,400 43.750 -0.063 -0.14%;

(LU) Lucent Technologies Inc. 16,225,300 43.688 -1.813 -3.98%;

(NT) Nortel Networks Corporation 13,543,400 75.063 +1.438 +1.95%;

(CPQ) Compaq Computer Corporation 12,425,100 28.188 +0.188 +0.67%;

(T) AT&T Corp. 12,729,200 31.000 +0.375 +1.22%;

(TXN) Texas Instruments Inc 10,541,600 59.125 +1.625 +2.83%;

(GE) General Electric Company 10,738,100 51.750 +0.813 +1.60%;

(AOL) America Online, Inc. 9,586,900 53.375 -0.438 -0.81%;

(MOT) Motorola, Inc. 8,488,400 33.125 -0.125 -0.38%;

(LSI) LSI Logic Corporation 8,197,000 33.813 +0.313 +0.93%.

Ecco di seguito le lista dei 10 titoli al Nasdaq ( dati non ufficiali di chiusura) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure definitive su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(CSCO) Cisco Systems, Inc. 44,476,800 65.125 +2.313 +3.68%;

(JDSU) JDS Uniphase Corporation 34,643,600 117.344 +1.094 +0.94%;

(MSFT) Microsoft Corporation 29,806,900 69.875 +0.188 +0.27%;

(INTC) Intel Corporation 26,818,500 66.625 +2.063 +3.19%;

(WCOM) WorldCom, Inc. 20,699,000 39.125 +2.563 +7.01%;

(COMS) 3Com Corporation 19,210,300 13.500 +0.563 +4.35%;

(SUNW) Sun Microsystems, Inc. 16,921,700 104.938 +2.125 +2.07%;

(DELL) Dell Computer Corporation 15,491,700 43.438 -0.250 -0.57%;

(ORCL) Oracle Corporation 14,460,300 74.563 +2.188 +3.02%;

(ERICY) Ericsson 13,170,500 19.563 +1.438 +7.93%.