WALL STREET IN RIBASSO: PESANTI LE BANCHE

15 Gennaio 2010, di Redazione Wall Street Italia

Chiusura di seduta negativa per il mercato azionario americano, depresso dal fatturato piu’ debole del previsto di JP Morgan e dal rafforzamento del biglietto verde. I conti della banca, la prima a riportare le cifre trimestrali, hanno riacceso i timori circa le perdite legate al credito.

Il dollaro ha guadagnato terreno contro 15 valute rivali su 16 e guadagnato l’1% circa contro la moneta unica, mentre il rendimento del benchmark decennale del Tesoro scivola dello 0.9% attestandosi al 3.66%.

Seduta nera per i titoli finanziari, che perdono quasi il 2%, risulando il peggior settore di giornata. Dopo aver riportato un utile superiore alle attese ma anche un fatturato piu’ debole del previsto, JP Morgan perde il 3%. Goldman Sachs e Bank of America lasciano sul campo almeno il 2%. La lettera si abbatte anche sui produttori di materiali di base, che appesantiti dal rafforzamento del dollaro calano di circa un punto percentuale.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

In ambito macro la fiducia dei consumatori e’ cresciuta meno delle attese, lasciando l’amaro in bocca agli operatori. Nel complesso positive ma non esaltanti le altre cifre economiche: la produzione industriale e’ aumentata dello 0.6% come previsto e la capacita’ di utilizzazione degli impianti e’ cresciuta a 72.0%, in lieve miglioramento rispetto al 71.8% di un mese prima.

Il mercato ha iniziato a limare i cali nel preborsa dopo che l’Empire State Index ha registrato un progresso a 15.92, risalendo dopo due mesi consecutivi di cali. Il dato del mese precedente e’ stato ritoccato al rialzo.

Nel frattempo l’indice dei prezzi al consumo di dicembre e’ aumentato dello 0.1% mese su mese. Si tratta di un incremento leggeremente inferiore a quello dello 0.2% previsto dalla maggior parte degli analisti, ma e’ sostanzialmente in linea con le attese. Se si escludono le componenti di cibo e energia, il dato e’ di 0.1%. Il CPI e il CPI Core sono risultati contrastanti se confrontati con la lettura di novembre, che aveva mostrato rispettivamente un rialzo dello 0.4% e una variazione nulla.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico scambiano in ribasso le quotazioni del greggio. I futures con consegna febbraio lasciano sul campo $1.44 attestandosi a quota $77.95 al barile. Sul valutario, l’euro si indebolisce a $1.4385 nei confronti del dollaro. In flessione l’oro a $1131.00 l’oncia (-$12.00). Avanzano i prezzi dei Titoli di Stato, con il rendimento sul benchmark decennale che e’ sceso al 3.676% dal 3.734% di ieri.