WALL STREET CHIUDE CON BLUE CHIP IN PROFONDO ROSSO

16 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

La seduta newyorkese si e’ conclusa con una cessione dell’indice Dow Jones superiore ai 200 punti, mentre Nasdaq e’ riuscito a strappare un modesto guadagno. Contrastanti anche gli altri indici.

Nasdaq ha chiuso a 3.860,52 (+0,38%), Dow Jones ha chiuso a 10.449,30 (-2,48%), S&P 500 a 1.464,47 (-0,96%) e Russell 2000 a 513,71 (+0,29%).

All’ondata di vendite sul finale ha contribuito in modo determinante il coseddetto ‘Triple Witching’ (le tre streghe), ovvero la contemporanea scadenza dei contratti sui futures, sulle opzioni e su altri derivati.

Questo elemento si e’ aggiunto al clima di nervosismo che ha caratterizzato l’intera giornata di scambi.

I mercati non hanno apprezzato il dato sulla costruzione di nuove case in maggio diffuso questa mattina dal dipartimento del Commercio Usa. La caduta del 3,9% e’ la piu’ forte dal giugno dello scorso anno e ben superiore alle aspettative, attestate su una flessione contenuta al 2,6%.

Il dato suggerisce che la corsa dell’economia americana sta davvero rallentando e questo desta viva preoccupazione tra gli investitori per i profitti societari delle aziende in portafoglio.

Sull’altro piatto della bilancia i tassi d’interesse: molti economisti sono pronti a scommettere che dopo l’ultima tornata di dati macroeconomici, la Federal Reserve non solo si asterra’ dall’aumentare i tassi d’interesse in giugno, ma non lo fara’ neppure in luglio.

Oltre al generale arretramento del settore bancario, il settore piu’ a rischio dopo l’arretramento dell’economia, hanno contribuito in modo determinante le perdite di alcuni grandi nomi compresi nell’indice Dow Jones tra cui Xerox, Adobe e Perrot Systems.

Sui listini tendenza al rialzo solo il settore petrolifero, dei media e dei metalli.

Segno meno per il settore bancario, del tabacco, trasporto aereo e grande distribuzione.

Tra i principali titolo in movimento quest’oggi a Wall Street:

Nel settore del software per la grafica, Adobe Systems (ADBE) ha chiuso il secondo trimestre fiscale con un utile netto in rialzo del 46% grazie alle forti vendite registrate nel comparto del software per la progettazione di pagine Web. Il titolo ha perso quasi il 4%.(vedi articolo WSI del 15 giugno 2000 alle 17:15)

Nel settore delle macchine fotocopiatrici, Xerox Corp. (XRX) ha ammesso questa mattina che gli utili del secondo trimestre saranno inferiori alle aspettative di mercato, pari a 42 centesimi per azione. Come conseguenza, la banca d’affari Merrill Lynch ha deciso di mantenere il rating della societa’ a livello “NEUTRAL”. Il titolo ha perso il 18,5%.(vedi articolo WSI delle 08:03)

Nel settore del trasporto aereo, TWA (TWA), l’ottavo vettore degli Stati Uniti, ha iniziato le trattative per l’acquisizione di AirTran (AAIR), la compagnia aerea a basso costo gia’ nota come ValueJet. Il titolo TWA ha guadagnato poco piu’ del 12%; quello AAIR il 4,5%.(vedi articolo WSI delle 08:11)

Nel settore delle telecomunicazioni, la canadese Seagram (VO) e le francesi Vivendi e Canal+ sono a un passo dall’accordo. Lo ha confermato l’amministratore delegato del Gruppo d’oltre Atlantico Edgar Bronfman: “è cosa virtualmente fatta”, ha detto. Vivendi acquisterebbe il Gruppo canadese con una transazione in azioni a un prezzo compreso tra i $75 e i $79 per azione, contro i $62,44 fatti registrare giovedì sera alla chiusura di Wall Street. Il titolo Seagram ha perso quasi il 4%.(vedi articolo WSI delle 08:12)

Nel settore aereospaziale, Boeing (BA) ha vinto dalla Marina degli Stati Uniti (US Navy) un contratto da $8,9 miliardi per la fornitura di 222 caccia modello F/A-18 Super Hornet. Il titolo ha perso il 3%.(vedi articolo WSI delle 08:24)

Nel settore informatico, Perot Systems (PER), la societa’ di consulenza informatica fondata dal miliardario texano Ross Perot, ha fatto sapere ad analisti e investitori che gli utili per l’anno in corso saranno inferiori alle previsioni. Il titolo ha perso il 21%.(vedi articolo WSI delle 08:34)

Nel settore finanziario, Lehman Bros. (LEH) ha chiuso il secondo trimestre con utili in rialzo del 15% sull’anno. La societa’ ha registrato un utile di $378 milioni, pari a $2,78 per azione. Il titolo ha chiuso la seduta praticamente invariato. (vedi articolo WSI delle 09:11)

Nel settore dei personal computer, Red Hat Inc. (RHAT) ha annunciato per il primo trimestre perdite di 10 centesimi contro gli 8 centesimi dell’anno scorso. Il titolo ha guadagnato quasi il 7%.

Nel settore dei semiconduttori, Rambus (RMBS), il produttore di memorie per personal computer, ha firmato un accordo con Toshiba () per la fornitura di memorie ad alta velocita’. Il titolo ha guadagnato piu’ del 46,5%.

Nel settore delle biotecnologie, Chiron Corp. (CHIR) ha vinto una causa sui brevetti contro Roche Holding e ricevera’ dalla societa’ $100 milioni a titolo di risarcimento. Il titolo ha guadagnato l’ 1%.

Nel settore delle biotecnologie, Genentech Inc. (DNA), societa’ leader nel settore, ha fatto sapere che la seconda fase della sperimentazione sull’anticorpo CD18 non ha prodotto i risultati sperati. Il titolo ha perso quasi il 3,5%.(vedi articolo WSI delle 12:31)

Nel settore delle fibre ottiche, Global Crossing (GBLX), la societa’ che sta costruendo un network globale di collegamenti sottomarini, ha interrotto le trattative per l’acquisto di Equant NV (ENT), il piu’ grande data network al mondo. Il titolo GBLX ha guadagnato il 2%, mentre quello ENT ha perso quasi il 4,5%.(vedi articolo WSI delle 14:12)

Nel settore finanziario, CDC Asset Management, la societa’ di investimento del gruppo francese Caisse de Depots, ha annunciato quest’oggi l’acquisizione dell’americana Nvest LP (NEW) per $2,2 miliardi. Il titolo NEW ha guadagnato quasi l’88%.(vedi articolo WSI delle 14:13)

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli piu’ trattati al New York Stock Exchange (dati di chiusura) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(XRX) Xerox Corporation 21,679,500 20.688 -4.625 -18.27%;

(LU) Lucent Technologies Inc. 18,909,500 60.000 invariato 0.00%;

(CPQ) Compaq Computer Corporation 17,291,200 27.563 -0.188 -0.68%;

(T) AT&T Corp. 16,507,200 33.563 -0.625 -1.83%;

(GE) General Electric Company 16,428,700 51.375 -0.500 -0.96%;

(CMB) Chase Manhattan Corporation 15,778,500 45.000 -3.813 -7.81%;

(BAC) Bank of America Corporation 13,760,600 47.000 -4.938 -9.51%;

(NT) Nortel Networks Corporation 13,467,300 67.313 -0.188 -0.28%;

(C) Citigroup Inc. 13,281,500 62.563 -2.313 -3.56%;

(PFE) Pfizer Inc 12,593,200 48.063 +1.063 +2.26%.

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli più trattati al Nasdaq (dati di chiusura) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(RMBS) Rambus Inc. 62,672,600 82.938 +26.250 +46.31%;

()CSCO Cisco Systems, Inc. 38,171,300 66.938 +0.438 +0.66%;

() Covad Communications Group, Inc. 36,721,700 18.250 -7.000 -27.72%;

(MSFT) Microsoft Corporation 28,722,900 72.563 +0.188 +0.26%;

(DELL) Dell Computer Corporation 26,768,300 47.438 +0.500 +1.07%;

(QCOM) QUALCOMM Incorporated 25,887,100 65.438 +4.000 +6.51%;

(INTC) Intel Corporation 19,718,600 127.125 -1.125 -0.88%;

(ERICY) Ericsson 19,795,300 21.438 -0.188 -0.87%;

(ORCL) Oracle Corporation 18,752,500 82.563 +0.063 +0.08%;

(WCOM) WorldCom, Inc. 15,417,000 41.063 -0.813 -1.94%.