USA: PREZZI PRODUZIONE GENNAIO INVARIATI

17 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

I prezzi alla produzone negli Usa sono rimasti stabili in gennaio nonostante l’incremento di costo del petrolio, in linea con le aspettative del mercato.

I prezzi di prodotti finiti sono infatti rimasti invariati dopo un minimo incremento dello 0,1% in dicembre.

Il ‘core rate’, cioe’ il dato epurato dalle componenti volatili come le auto e la benzina, e’ invece calato dello 0,2% – il primo calo dal luglio dell’anno scorso.

Secondo il governo Usa il calo del dato epurato di gennaio e’ da attribuirsi principalmente alla forte diminuzione del costo delle sigarette, senza il quale la cifra sarebbe salita a +0,1%.

L’inaspettata stabilita’ dei prezzi dovrebbe aiutare a sollevare lo spirito degli operatori finanziari americani, che negli ultimi giorni hanno trattato titoli con piu’ cautela del solito, dati im timori che la Federal Reserve (la Banca Centrale Usa) decida presto di rialzare i tassi di interesse.

La cartina tornasole di questa interpretazione ottimistica ci sara’ piu’ tardi in giornata, quando il governatore della Fed, Alan Greenspan, inizia alle 10:00 la sua testimonianza semestrale sull’andamento dell’economia Usa davanti al Senato.