Usa: governo si impossessa di milioni di telefonate al giorno

6 Giugno 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – L’Agenzia per la Sicurezza Nazionale americana (NSA), starebbe raccogliendo le registrazioni telefoniche di milioni di americani, in particolare dei clienti di Verizon, una delle maggiori compagnie telefoniche del paese.

Queste registrazioni sarebbero state poi consegnate, con un ordinanza proprio di Verizon, sia dentro che fuori dal Paese.

Riguardo all’accaduto Il Guardian, che ha riportato per primo la notizia, ha scritto “che si tratta della prima volta che, sotto l’amministrazione Obama, le registrazioni delle comunicazioni di milioni di americani sono state raccolte indiscriminatamente e in massa, indipendentemente dal fatto che essi fossero sospettati di qualche illecito”.

Dai diretti interessati ancora nessun commento, ma neanche nessuna smentita, il che fa accrescere i dubbi.

Ma, esattamente, che cosa avrebbe in mano l’agenzia di sicurezza? Sempre secondo il quotidiano inglese, si tratterebbe di numeri telefonici di chi effettua le chiamate e di chi le riceve e la durata delle conversazioni. Quindi niente nomi, indirizzi, informazioni finanziarie sugli utenti e contenuto delle conversazioni.

L’insieme dei dati su milioni di telefonate dovrebbe permettere all’agenzia Nsa di tracciare gli schemi delle comunicazioni all’interno e verso l’esterno.

Verizon comunque potrebbe non essere l’unica compagnia telefonica coinvolta, ma solo “la più coinvolta”. E’ possibile infatti che la Nsa abbia ottenuto dati anche da altre compagnie di telecomunicazione.