Turchia, blitz gruppo marxista in tribunale: tiene giudice in ostaggio

31 Marzo 2015, di Redazione Wall Street Italia

ISTANBUL (WSI) – Un gruppo marxista ha preso in ostaggio un giudice all’interno del tribunale di Istanbul.

I membri del partito “Fronte rivoluzionario di liberazione del popolo” hanno imbavagliato il pm, Mehmet Selim Kiraz, e gli hanno puntato una pistola alla tempia, come si vede nelle foto che loro stessi hanno difuso.

Sono ore di paura nella capitale turca, con i testimoni che dicono di aver sentito anche colpi di arma da fuoco. Gli assalitori chiedono “giustizia per Gezi Park”, con riferimento alla morte di un adolescente, ucciso dalle forze dell’ordine durante le proteste del 2013.

Gli autori del gesto hanno dato tempo alle autorità fino alle 3.36 di oggi per accogliere le loro richieste, che includono la confessione in diretta del poliziotto sospettato di aver ucciso il giovane e la creazione di un tribunale popolare che metta sotto giudizio gli agenti responsabili.

La polizia ha circondato i locali al sesto piano del palazzo di giustizia, mentre le forze speciali hanno fatto incursione nell’edificio. Le trattative con i terroristivanno avanti.

(DaC)