Triboo, ricavi ed Ebitda in forte crescita nei primi sei mesi del 2021

16 Settembre 2021, di Redazione Wall Street Italia

Triboo, Gruppo attivo nel settore digitale e quotato sul mercato MTA di Borsa Italiana, ha chiuso i primi sei mesi del 2021 con ricavi e margini reddituali in forte crescita.
Il fatturato consolidato ha raggiunto i 45,9 milioni di euro, in crescita del 21% rispetto al primo semestre dello scorso esercizio. Un risultato dovuto in particolare alla crescita dell’eCommerce, settore che, dopo un 2020 caratterizzato da volumi record per le vendite online, ha continuato ad avere importanti tassi di crescita, sia in Italia che nel resto del mondo. Anche i settori Media e Advertising, maggiormente impattati dagli effetti derivanti dall’emergenza sanitaria Covid-19 nel corso del 2020, hanno mostrato segnali di ripresa, seppur mitigati dal protrarsi delle misure di contenimento adottate a livello nazionale ed internazionale.

Sul fronte della marginalità il Gruppo Triboo (che controlla questa testata online) ha chiuso il primo semestre del 2021 con un Ebitda in crescita del 33,4% a 6,3 milioni di euro.

Con riferimento alle singole ASA, la divisione T-Commerce ha evidenziato un +34,5% in termini di ricavi e un Ebitda di 4,6 milioni di euro rispetto ai 2,7 milioni di euro del primo semestre 2020. La divisione T-Agency ha registrato ricavi ed Ebitda sostanzialmente allineati ai valori del periodo di confronto (+5,2% in termini di ricavi, con un Ebitda di 769 migliaia di euro rispetto a 965 migliaia di euro al 30 giugno 2020) mentre l’area T-Mediahouse ha chiuso il primo semestre 2021 con ricavi in crescita (+2,3%) e un Ebitda di 796 migliaia di euro (918 migliaia di euro al 30 giugno 2020).

Il contro economico si è chiuso con un utile netto consolidato di 1,5 milioni di euro, rispetto ad una perdita nel semestre di confronto pari a 944 migliaia di euro.

La posizione finanziaria netta è negativa per 10,7 milioni di euro, rispetto ai 5,5 milioni di euro al 31 dicembre 2020, ma in miglioramento rispetto all’indebitamento finanziario netto al 30 giugno 2020 (13,5 milioni di euro).

“Chiudiamo i primi sei mesi del 2021 con risultati finanziari molto positivi in termini di ricavi e redditività. Sono stati raggiunti importanti traguardi e siamo felici di essere perfettamente in linea con quanto illustrato alla comunità finanziaria durante la presentazione del Piano Industriale 2020-2022. I numeri, oggi, dimostrano la nostra resilienza e la capacità del Gruppo di crescere in modo continuo e sostenibile anche durante i periodi più sfidanti. Grazie alle recenti acquisizioni di partecipazioni in Adglow e Blogmeter, siamo certi di poter cogliere nuove opportunità per rafforzare ulteriormente il nostro posizionamento, potendo fare leva su un management team dal track record di successo” ha commentato Giulio Corno, amministratore delegato di Triboo.

In relazione ai dati consuntivati nel primo semestre 2021 ed alla luce delle previsioni di risultato per i prossimi mesi, pur in un contesto globale ancora inevitabilmente condizionato dal perdurare della pandemia Covid-19 e non potendo escludere eventuali ulteriori impatti negativi derivanti dal protrarsi dell’emergenza sanitaria nazionale e mondiale, il Gruppo Triboo ritiene di confermare la guidance prevista dal Piano Industriale 2020-2022.