TLC: WORLDCOM PRONTA A DIMAGRIRE PER L’ANTITRUST

22 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

WorldCom (WCOM) sarebbe pronta a dismettere le divisioni di telefonia su lunga distanza e Internet di Sprint, pur di ottenere il via libera delle autorita’ di controllo alla fusione, valutata $148 miliardi; lo riferiscono fonti vicine alla societa’.

Dopo il dipartimento di Giustizia Usa, anche l’Unione Europea, secondo le indiscrezioni circolate a Bruxelles, ha espresso forti riserve alla fusione tra la seconda e la terza societa’ telefonica degli Stati Uniti.

Le preoccupazioni dell’antitrust riguardano soprattutto il controllo del network digitale per la distribuzione di Internet ad alta velocita’. Con gli attuali assetti infatti il nuovo gigante delle telecomunicazioni si troverebbe a operare in condizioni di semi-monopolio.