TIM, Nokia e Capgemini alla 5G Academy: dai Postgraduate ai Professional

16 Marzo 2021, di Redazione

TIM, Nokia e Capgemini alla 5G Academy, seconda edizione per continuare a dare seguito al processo di diffusione delle competenze e professionalità necessarie per la crescita digitale del Paese

 

Tutto pronto per la seconda edizione della 5G Academy, la quale mira a formare nuove figure d’eccellenza nell’ambito della digital transformation con un focus specifico nei confronti del potenziale che contraddistingue il 5G. Le risorse avranno modo di acquisire competenze tecniche, gestionali e di consulenza di settore, contribuendo conseguentemente allo sviluppo di business case specifici e innovativi. I principali referenti di questa opportunità sono l’Università degli Studi di Napoli Federico II, TIM, la principale TLC del nostro Paese, Capgemini, leader globale nel supportare le aziende durante il loro percorso di trasformazione digitale, e Nokia, realtà fondamentale per l’innovazione e la creazione di reti e tecnologie volte alla connessione dell’intelligence su scala mondiale.

 

5G Academy: le novità targate TIM, Nokia e Capgemini

La differenza sostanziale tra la prima edizione della 5G Academy e la seconda è rappresentata dall’inserimento, oltre alla già nota “5G Academy postgraduate” dedicata ai neolaureati e laureandi, del nuovo percorso “5G Professional”, dedicato ai professionisti del settore che hanno l’intenzione e l’ambizione di arricchire le proprie skill (e che sarà presentato ad aprile).

La cerimonia inaugurale del percorso dedicato ai postgraduate è prevista per le 16 del 16 marzo. Il varo dell’edizione spetta a Matteo Lorito, Rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Leopoldo Angrisani, Direttore del CeSMA (Centro federiciano cui fa capo l’Academy), e Antonia Maria Tulino, docente federiciana di telecomunicazioni e coordinatore didattico della 5G Academy.

La pandemia sembra non aver influenzato la volontà dei potenziali alunni, dato l’elevato numero di candidature pervenute che ha impegnato significativamente la commissione nella selezione dei 30 migliori studenti: di questi, il 50% vengono da lauree STEM, 30% da lauree economico-giuridiche e il 20% giuridico-sociale. I prescelti dovranno affrontare una prima fase dedicata all’acquisizione di soft skills, Foundational Courses, per poi passare prima ad una fase di formazione generale, Hard and Sector-Specific Skills Courses, e successivamente a una di formazione settoriale, Deep Dives Course. Il corso si concluderà poi con dei project work: i partecipanti, suddivisi in gruppi con competenze eterogenee, avranno dieci settimane per lavorare allo sviluppo di business case concreti e relativi prototipi.

 

5G Academy, le parole dei responsabili TIM, Nokia e Capgemini

Il rettore dell’Università degli Studi di Napoli Federico II Matteo Lorito ha commentato così l’edizione di quest’anno: “Con la seconda edizione della 5G Academy inauguriamo un percorso di straordinaria valenza in un momento storico nel quale connettività avanzata e transizione digitale sono i temi su cui investire anche in termini di alta formazione. Di particolare interesse, anche per le idee e le prospettive che saranno discusse, sarà la tavola rotonda che vede la partecipazione dei rappresentanti della Regione e delle importanti aziende coinvolte, oltre a quella di illustri colleghi federiciani”.

Risulta, infatti, in programma una tavola rotonda dal titolo “Sinergia tra l’università e imprese: il modello San Giovanni” che vedrà partecipare: Gaetano Manfredi, docente di tecnica delle costruzioni della Federico II, già Ministro dell’Università e della Ricerca e Rettore dell’Ateneo federiciano, Valeria Fascione, Assessore Ricerca, Innovazione e Startup Regione Campania, Giorgio Ventre, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell’Informazione, Sergio Fasce, VP Head of People Services Nokia, Andrea Laudadio, Responsabile TIM Academy and Development, Alessandro Puglia, Future of Technology Director di Capgemini in Italia.

Proprio Alessandro Puglia ha voluto esprimersi sulla situazione odierna e la rivoluzione digitale che stiamo vivendo: “L’anno appena trascorso ha dimostrato come la trasformazione digitale sia anche uno schermo contro potenziali crisi economiche: il cloud, l’AI, la blockchain, l’IoT hanno permesso alle aziende che avevano già iniziato un percorso di digitalizzazione di ridurre gli impatti della pandemia e per questo motivo tutto il sistema Paese ha fatto un salto di 5 anni in digitalizzazione. Il 5G sarà un acceleratore delle attuali trasformazioni digitali abilitando tutte le principali tecnologie ad andare in scala e quindi permetterà di comprendere quali profonde trasformazioni nei modelli operativi e di business potremmo applicare alle digital enterprise. La 5G Academy si rinnova con spirito ancor più sentito per supportare il sistema Italia nel produrre i talenti che saranno in grado accelerare la ripresa e al tempo stesso disegnare le 5G Enterprises in termini di evoluzione tecnologica e di business”.

 

TIM, Carlo Nardello: “la nostra presenza conferma l’impegno TIM allo sviluppo del digitale in Italia”

Gli interventi conclusivi saranno ad opera di Gea Smith, Telecoms Media & Technology Director di Capgemini in Italia, Giuseppina Di Foggia, Amministratore Delegato e Vicepresidente Nokia Italia, Carlo Nardello, Chief Strategy, Business Development and Transformation Officer TIM. Questi ultimi daranno il benvenuto ai nuovi talenti della Academy e il via ufficiale alle lezioni che termineranno il 30 settembre.

La nostra presenza alla 5G Academy conferma l’impegno del Gruppo allo sviluppo della rete mobile di nuova generazione e a favorire le competenze e le professionalità necessarie per la crescita dell’ecosistema digitale del Paese. – afferma Carlo Nardello, Chief Strategy, Business Development and Transformation Officer TIM – Agevolando un rapporto sinergico tra Università e imprese vogliamo dare il nostro contributo al progresso economico e sociale, alimentato dalla diffusione delle competenze digitali. Proprio per questo siamo impegnati su tutto il territorio nazionale anche con il progetto Operazione Risorgimento Digitale, uno dei più imponenti programmi di divulgazione e formazione digitale mai attuato in Italia, con l’obiettivo di ridurre il gap delle competenze nell’utilizzo dei servizi digitali abilitati dalla rete a banda ultra larga”.

Giuseppina Di Foggia ha parlato così del ruolo di Nokia per un processo delicato come quello dell’alfabetizzazione digitale: “Nokia Italia vuole essere non solo fornitore leader di tecnologia innovativa ma anche protagonista nel nostro Paese dell’alfabetizzazione digitale. Infatti, stiamo lavorando in Italia a programmi di diffusione delle competenze digitali, tramite iniziative e collaborazioni con Ministeri, Università e Scuole. È questo un mio impegno personale, che perseguo con la massima energia. Il lancio della 5G Academy rappresenta per Nokia Italia il primo sviluppo concreto del Protocollo D’Intesa siglato con il Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica nell’ Agosto 2020 per favorire l’espansione delle competenze digitali specialistiche che rappresentano il futuro della nostra società e che la pandemia Covid-19 ha reso evidentemente necessarie. Metteremo a disposizione le conoscenze più avanzate sulle opportunità di business, i principi fondamentali ed i pilastri tecnici per realizzare in pieno le potenzialità del 5G”.

La cerimonia sarà moderata dal giornalista Nicola Saldutti e vedrà gli studenti, i docenti e i partner aziendali, collegati da remoto.