Summit, Merkel: “ci aspettiamo il si al nuovo piano di aiuti”

21 Luglio 2011, di Redazione Wall Street Italia

Roma – La cancelliera tedesca si aspetta comunque che i leader dell’Eurozona troveranno oggi l’accordo per un nuovo piano di aiuti finanziari per la Grecia: lo ha detto giungendo al Consiglio europeo per partecipare al vertice di emergenza sulla stabilita’ finanziaria dell’Euro.

“Oggi c’e’ un’importante riunione dell’Eurogruppo che rappresenta un ulteriore passo importante per superare la crisi del debito – ha osservato Merkel, reduce dal lungo incontro con il presidente francese Nicolas Sarkozy a Berlino – con questo piamo vogliamo affrontare il problema alle radici”.

Merkel potrebbe anche vedersi costretta a dare il suo lasciapassare all’emissione di euro bond, nel tentativo di arginare il contagio della crisi.

*************************************

Roma – Dopo un incontro di 7 ore, il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese Nicolas Sarkozy, raggiungono una posizione comune su un secondo bailout alla Grecia. Un chiaro segnale di voler evitare che la crisi del debito nel paese ellenico possa andare ad allargarsi all’intera Europa, rendendo più difficile l’accesso al mercato dei bond anche per paesi più grandi, come Spagna e Italia.

Non sono stati ancora resi pubblici i dettagli dell’incontro che ha visto presente anche Jean-Claude Trichet, Presidente della Banca centrale europea, ma pare sia stato raggiunto un compromesso sulle perdite che i creditori della Grecia saranno costretti ad accettare per salvarla dalla bancarotta e ridurre il rischio contagio ad altri paesi europei.

Tutti i particolari dell’intesa raggiunta dai due leader verranno presentati in giornata a Bruxelles, dove si terrà il meeting tra tutti i capi di stato dei 17 paesi membri.

Il nuovo pacchetto d’aiuti andrebbe ad aggiungersi ai €110 miliardi del maggio 2010. Oltre all’Unione europea dovrebbe partecipare nuovamente il Fondo Monetario Internazionale, e l’accordo prevederà, oltre allo stanziamento di fondi, una serie di nuove misure.

In attesa del summit in giornata, l’euro beneficia dall’incontro positivi chiuso dai leader di Germania e Francia. Al momento nelle contrattazioni asiatiche si trova a $1,4262 (+0,27%). Rialzo anche sul franco svizzero a CHF1,1727 (+0,57%).

Merkel, che ama definire la moneta unica “lavoro di pace” e parte dell’idea di un’Europa unita, e’ l’ultimo ostacolo davanti all’emissione di euro bond. Mentre i leader sono riuniti a Bruxelles per un summit straordinario sulla Grecia, la presa di posizione della leader tedesca potrebbe cambiare ora che il cuore dell’Europa sta per essere infettato dalla crisi del debito che ormai dura da 21 mesi.

I rendimenti del decennale spagnolo e italiano viaggiano intorno al 6%. Se dovessero raggiungere il 7% sarebbe sempre piu’ difficile per i due Piigs piu’ importanti rifinanziare il proprio debito.