Starbucks e Alibaba: nuova partnership per il mercato cinese

2 Agosto 2018, di Alessandra Caparello

Starbucks collaborerà con Alibaba. La conferma arriva dal CEO della catena di caffetterie americane Kevin Johnson alla Cnbc che ha come obiettivo quello di espandere le consegne a 2.000 negozi in Cina

La strategia “sarà un acceleratore per il nostro business, senza ombra di dubbio”, dice Johnson. Nell’accordo di esclusiva, la catena globale di vendita sfrutterà tutte le proprietà di Alibaba, tra cui la piattaforma di consegna Ele.me e la catena di supermercati Hema, per espandere i servizi di consegna in tutta la Cina.

“Stiamo per integrare un negozio virtuale Starbucks in tutte le proprietà del Gruppo Alibaba. Ciò significa che un cliente che utilizza Alipay o Taobao o Tmall o Hema ha un negozio virtuale Starbucks integrato simile nell’app mobile integrata.

Starbucks collaborerà anche con Ele.me, una piattaforma di consegna alimentare che Alibaba ha acquisito quest’anno, per aprire 150 negozi a Shanghai e Pechino e poi allargare la consegna a 2.000 negozi in 30 città “prima della fine dell’anno solare”, ha detto Johnson. Nei piccoli supermercati di Hema, Starbucks prevede di costruire nei prossimi anni fino a 600 di quelle che l’azienda chiama “Starbucks Delivery Kitchens” (cucine di consegna Starbucks), stazioni che serviranno gli ordini di consegna per le aree circostanti.

Mentre la partnership era già stata riportata dal Wall Street Journal, i commenti di Johnson hanno segnato la prima conferma ufficiale da parte della catena di caffettiera del suo piano specifico con Alibaba. Johnson ha definito l’iniziativa “una partnership strategica di trasformazione intorno al retail moderno”, affermando che la combinazione delle capacità tecnologiche di alto livello di Alibaba con l’abilità di Starbucks “sarà senza dubbio un acceleratore per il nostro business”.

A spingere per la partnership i risultati deboli registrati da Starbucks nel terzo trimestre fiscale in Cina. Mentre i ricavi di Starbucks nel mercato cinese sono cresciuti del 17%, le vendite sono diminuite del 2%. Il consumo di caffè in Cina è quasi triplicato negli ultimi quattro anni, secondo l’Organizzazione Internazionale del Caffè e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Durante la conference call del terzo trimestre di Starbucks, Belinda Wong, CEO di Starbucks China, ha detto agli investitori che “il nostro nuovo servizio di consegna sarà conforme agli elevati standard che i nostri clienti in Cina si aspettano … man mano che espandiamo la nostra attività [lì]”.

Le azioni di Starbucks hanno chiuso ieri a Wall Street allo 0,88 per cento a 51,93 dollari. Il titolo ha registrato un leggero rialzo nel mercato after-hour a 52 dollari per azione.