Spendere troppo in vacanza: i sette errori più comuni

16 Luglio 2019, di Alessandra Caparello

L’estate è arrivata e le meritate ferie sono dietro l’angolo. E’ tutto pronto per partire,  biglietto aereo, hotel e contanti per pagare le spese. Ma occhio a fare la mossa giusta altrimenti il rischio è di prosciugare tutto il budget a disposizione. Secondo l’indagine Invest in You Spending Survey della CNBC in collaborazione con SurveyMonkey, il 34% degli americani ha dichiarato di voler spendere quest’anno tra 1.000 e 4.999 dollari per le vacanze estive, mentre il 26% scenderà a meno di 1000 dollari. Ecco quali sono i sette errori di spesa più comuni che si commette quando si pianifica una vacanza.

Prenotare un volo all’ultimo minuto

Uno dei primi passi della pianificazione delle vacanze è la prenotazione di un volo. La tempistica è fondamentale quando si cerca di trovare il  prezzo giusto. Ovviamente, più si ritarda l’acquisto del biglietto aereo in concomitanza con la data di partenza, più alti sono i prezzi. Non sempre ci sono offerte last minute vantaggiose. E’ meglio comprare il biglietto tre settimane prima.

 

Non valutare le opzioni di alloggio

Viaggiate da soli, in coppia o con un gruppo? Una camera d’albergo è la scelta migliore per una o due persone, mentre se si è di più, ha più senso alloggiare in una casa vacanza che in genere è a tariffe più basse.

Non avvisare la banca

Prima ancora di uscire dalla porta di casa per partite, regola aurea è avvisare la propria banca se si viaggia all’estero. E’ utile inoltre controllare i costi che il proprio istituto applica alle transazioni all’estero e valutare quindi di aprire una carta di credito o di debito dedicata.

Controllare il passaporto troppo tardi

Avere un passaporto prossimo alla scadenza è un altro grande errore che si commette pianificando il viaggio visto che il rinnovo potrebbe costare molto tempo. Inoltre anche se il documento è ancora valido durante il periodo di viaggio, alcune località possono non accettare il passaporto prossimo alla scadenza.

Non si approfitta di app e di premi

Per chi prenota il proprio viaggio su un’app dedicata potrebbe trovare risparmi e offerte esclusive, ha detto Alexis Tiacoh di Expedia. Lo stesso vale per chi è membro di un programma di premi di un sito di viaggi online. Ad esempio, molte compagnie aeree offrono un primo bagaglio registrato gratuito, che potrebbe far risparmiare fino 30 dollari a bagaglio.

Non conoscere le opzioni di trasporto

Si potrebbe finire per spendere di più per spostarsi all’estero se non si fanno le  opportune ricerche in anticipo. Il trasporto pubblico in genere è il modo più conveniente per spostarsi, ma non è sempre così. Basti pensare che, ha sottolineato Shannon McMahon, del sito SmarterTravel, in molte città in Asia e Medio Oriente vi sono i tuk tuk, tazi a tre ruote veloci e convenienti.

Spendere troppo per il cibo

Ultimo errore comune che si compie quando si viaggia e pensare che si risparmia facendo la spesa nei market e poi cucinando nella casa vacanza dove si alloggia. Ma non è sempre così, secondo McMahon. In alcune zone della città, i negozi alimentari hanno prezzi molto alti per prodotti di base. E’ meglio ripiegare su locali che offrono menù turistici. Per chi però vuole sperimentare la cucina locale fatta con le proprie mani è meglio acquistare gli ingredienti e i prodotti al mercato contadino invece che in una grossa catena di alimentari.