PODCAST: transizione energetica e banche, L’intervento di Sabatini (Abi) a Wsi Smart Talk

7 Maggio 2021, di Redazione Wall Street Italia

Nel corso della puntata di Wsi Smart Talk “Transizione energetica: come la vivono banche, finanza e imprese” il direttore generali dell’Abi Giovanni Sabatini è intervenuto per descrivere il ruolo delle banche all’interno del processo di transizione energetica in corso nei principali paesi europei.

Banche, un ruolo delicato

“Il processo di transizione verso un’economia più sostenibile richiederà enormi risorse finanziarie e in questo passaggio il ruolo delle banche è fondamentale. Le banche sono consapevoli di questo aspetto e sono impegnare a dare supporto alle istituzioni europee verso lo sviluppo e la realizzazione dei piani di ripresa” ha chiarito Sabatini nel suo intervento.

“Nell’attuazione del Piano nazionale ripresa e resilienza le banche devono svolgere un ruolo di indirizzo e di educatore delle imprese – prosegue Sabatini – per portarle verso modelli di business più sostenibili. Per fare questo ci vuole però un quadro normativo più chiaro e una identificazione delle attività che sono considerate verdi. Per questo è necessaria una tassonomia per indirizzare non solo gli investimenti di tipo equity ma anche per l’erogazione del credito alle imprese e alle Pmi”.

Secondo il direttore generale dell’Abi in particolare le imprese dovranno soddisfare nuovi requisiti anche sul fronte della sostenibilità ambientale. In questo senso le imprese dovranno fornire alle banche maggiori dati qualitativi e quantitativi per permettere a queste ultime di comprendere quali sono i programmi di investimento sul fronte ambientale.
“La collaborazione tra banche e imprese dovrà essere quindi più stretta – chiarisce Sabatini – e pertanto sarà necessario un maggiore flusso informativo. Ci sarà un processo graduale per aiutare le imprese ad accedere a questi finanziamenti”.

Anche il quadro normativo sulle banche deve agevolare questa attività. Per Sabatini servono, ad esempio, nuove metriche per misurare i nuovi rischi della mancata transizione verso un modello più sostenibile. Questi devono essere incorporati non solo dai singoli istituti ma anche dalle autorità di vigilanza.

Per agevolare la transizione le banche dovranno attivarsi con un’attività di consulenza per le imprese ma anche verso i risparmiatori per fare capire l’importanza di dirottare investimenti verso i settori più vicini alla transizione energetica. “Noi come Abi abbiamo predisposto un opuscolo per aiutare i risparmiatori a renderli più consapevoli verso la finanza sostenibile” ha concluso Sabatini.