PIAZZA AFFARI SI FA PIU’ DEBOLE DOPO WALL STREET

22 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari perde colpi dopo ll’apertura tutta in negativo di Wall Street. Il Mibtel cede lo 0,37% a 31.449 punti e il Mib30 lo 0,56% a 46.172 punti. Tra le Blue Chip è ancora Bipop la migliore (+2,62%), seguita dalle Eni (+2,07%), dalle Seat Pg (+1,56%) e dalle Mediaset (+1,36%). Depressi i telefonici: Tim -1,41%, Telecom -0,97%, Olivetti -0,15% e Tecnost +0,05%.

Tra le utilities recupera Acea (+2,06%) dopo il tonfo del 3% di ieri.

Ottimi sprint nel Midex: Class Editori guadagna il 3,74%, Bulgari il 3,07% e L’Espresso l’1,19%.

Continua la corsa delle Vemer (+6,69%) dopo l’accordo con la Olivetti Lexicon per la costituzione di una nuova società chiamata Domustech.

Prese di beneficio su Esaote (-4,16%) e sulle Necchi (-3,2%).

Le Fiat rimangono vicine al palo dopo il crollo del 23% della controllata americana Cnh Global, colosso delle macchine agricole.

Contrastati i titoli del Nuovo Mercato. Salgono le Poligraf.S.Faustino (+1,56%) e le E.Biscom (+0,97%). In rosso le Gandalf -2,16%, le Chl -1,62%° e le Tecnodiffusione -1,59%.