PIAZZA AFFARI: CHIUSURA IN ROSSO, MIBTEL A -1,11%

28 Luglio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Seduta negativa per l’indice milanese che ha aumentato le perdite nel pomeriggio sulla scia del calo del Nasdaq americano. Il Mibtel perde l’1,11% a 31.397 punti e il Mib 30 l’1,18% a 45.883 punti.

Cedono pesantemente i telefonici: Tecnost -3,82%, Olivetti -3,41%, Telecom -2,72% e Tim -2,39%. In ribasso anche Seat PG (-3,07%) dopo il sì ‘condizionato’ alla fusione con Tin.it da parte dell’Antitrust.

Male anche i tecnologici che hanno seguito il calo dei titoli high-tech americani: Stmicroelectronics -5,31%; Chl -3,94%, Mondo Tv -3,79%, Tiscali -2,12% e Freedomland -2,22%. In rialzo I.Net (+1,39%), Cairo (+1,2%) e Art’è a +0,68%.

Venduti i titoli legati alle biotecnologie: Esaote -3,08%, Recordati -3,64%, Schiapparelli -2,17% e Snia -2,57%.

Brusca correzione per Aeroporto di Firenze che chiude a -26,27% a 18,75 euro (un euro vale 1936,27 lire).

Male gli editoriali che vedono Mediaset a -2,36%, L’Espresso a -2,03% e Class Editori a -0,72%.

Tra le Blue Chip pochi rialzi: Fideuram +1,55%, Ras +0,97%, Eni +0,55%, San Paolo-Imi +0,18% e Unicredito +0,14%.