PIAZZA AFFARI APRE IN ALTALENA, BENE I TELEFONICI

23 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

Piazza Affari apre la seduta con un movimento estremamente ondivago: il primo Mibtel segna un ribasso dello 0,58% a 31.146 punti; qualche minuto appena e recupera fino a quota 31.334, riprendendosi un +0,02%. Stessa situazione per il Mib30 che passa da un primo -0,62% a un +0,13% nel giro di qualche battuta.

Ora il telematico segna un aumento dello 0,29%; l’indice delle trenta blue chip è a +0,39%.

La chiusura negativa di Wall Street, ieri a New York, si fa sentire soprattutto sulla new economy. Il Nuovo Mercato è in flessione, con solo tre titoli in positivo ma con aumenti marginali. Le perdite peggiori le accusa Chl, in calo del 3,35%. Anche Tiscali cede terreno, a -1,75%.

In formazione compatta e con il segno più sono i titoli telefonici e più in generale quelli della scuderia Colaninno: Telecom guadagna lo 0,22%, Tim è a +0,14%, Olivetti segna +0,34%; e poi ancora Tecnost è in crescita dello 0,42%, Seat +0,34%.

Ottimo il passo di Alitalia, +2,03%. Ma i migliori del listino sono Saipem, +4,41%, e Beni Stabili, che mette a segno un +4,8%.

Contrastati i bancari. Buoni comunque i rialzi di San Paolo Imi, +1,4%, e di Bipop Carire, ancora al centro dell’attenzione con +1,16%.