PETROLIO AI MASSIMI, ALLARME INFLAZIONE

23 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il prezzo del petrolio aumenta e crescono i timori per una nuova fiammata dell’inflazione in tutto il mondo industrializzato. Ciò potrebbe spingere le autorità monetarie a un ulteriore aumento dei tassi di interesse.

Oggi il Brent contratto agosto ha toccato i nuovi massimi dell’anno a $30,38 al barile, in rialzo di 23 centesimi rispetto a ieri.

Il mercato non si sta facendo influenzare dalla recente decisione dei Paesi produttori, riuniti in sede Opec, di aumentare la produzione di greggio. Di fatto, l’entità dell’aumento non è giudicato tale da calmierare le spinte speculative.