PARIGI E LONDRA NEGATIVE, FRANCOFORTE SI SALVA

21 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Con un balzo felino, messo a segno negli ultimi minuti, la Borsa di Francoforte riguadagna la positività e chiude a +0,22%. Il Dax si ferma, infatti, a 7.590,53 punti.

A tirare il listino sul finale sono stati i bancari e alcuni industriali tra cui le Bmw, sugli scudi per tutta la seduta.

In perdita invece i telefonici, tra cui la Deutsche Telekom. Perdono anche le azioni Adidas-Salomon.

PARIGI è stata la Piazza europea con la maggior perdita. Il Cac 40 ha lasciato sul campo l’1,57% a 5.967,28 punti.

In rosso con pesanti perdite i titoli Schneider Electric, Canal Plus e Lagardiere.

A LONDRA le cose non sono andate molto meglio. L’indice Ftse-100 perde l’1,20% a 6.090,80 punti.

In controtendenza gli energetici con National Power e Scottish Power sugli scudi.

Buoni risultati anche per la British Telecom, mentre si rinnova il crollo per il titolo Orange.

Pesante perdita, vicina al 10%, anche per il titolo B Sky B e per l’industria aerospaziale Marconi.