Perché la crisi energetica dell’Ue sarà istruttiva e distruttiva

2 Novembre 2022, di Roman Boner (Robeco)

Con le forniture di gas che scarseggiano e i prezzi dell’elettricità che si mantengono elevati, l’Europa si trova nella fase più acuta della crisi energetica. Tuttavia, un inverno mite potrebbe contribuire a evitare nei prossimi mesi blackout e razionamenti drastici. Finora, l’Europa si è assicurata importazioni di GNL (Gas Naturale Liquefatto) diversificando i fornitori e la speranza è di ridurre ulteriormente la domanda attraverso un mix di consumi volontari e obbligatori per l’industria e le famiglie negli Stati membri. Le misure stanno funzionando e le riserve si stanno accumulando. Le importazioni di gas dalla Russia sono passate dal 40% a meno del 10% in meno di un anno. Nel frattempo, le riserve invernali per l’intero blocco dei Paesi europei sono tornate a un rassicurante 90%.

A nostro avviso, i tagli ai consumi dovrebbero essere permanenti per garantire la sicurezza energetica nel medio termine. Si prevede una guerra di lunga durata, il che significa che un brusco abbandono delle forniture russe costringerà l’Europa ad affidarsi a un mercato spot a breve termine, rigido e volatile, per soddisfare il proprio fabbisogno di energia. Ciò significa che la bolletta energetica dell’Europa rimarrà alta fino al 2023 e, probabilmente, fino al 2024, quando saranno costituite nuove riserve prive degli approvvigionamenti russi.

Riteniamo che l’Ue debba favorire l’approccio discriminatorio olandese, in cui i prezzi sono sottoposti a un tetto massimo, dopo il quale i consumatori pagano il prezzo pieno di mercato. In questo modo si smorzerebbe l’impatto degli alti prezzi dell’energia per le famiglie e si frenerebbero i consumi eccessivi. Inoltre, a meno che non si verifichi un inverno rigido in Asia settentrionale, riteniamo che l’accesso della Cina all’abbondante gas russo e il rallentamento dell’economia interna ridurranno la concorrenza globale e manterranno le forniture di gas verso l’Europa.

Un mix di fattori dietro la crisi energetica

La regolamentazione in materia di energia ha sostituito la prudenza fiscale come nuovo mantra dell’Ue, ma non tutti gli Stati si troveranno ad affrontare gli stessi vincoli e l’impatto sarà disomogeneo tra gli Stati membri. La posizione geografica naturale, il mix nazionale di combustibili, le temperature delle varie regioni e le disparità nella capacità di stoccaggio influenzeranno pesantemente la furia dell’inverno nei vari Stati membri.

Nonostante la retorica e i litigi iniziali, emergeranno accordi di condivisione dell’energia che ridurranno ulteriormente i rischi di scarsità per i singoli Paesi.

Anche se i blackout saranno probabilmente evitati, lo stesso potrebbe non accadere per eventuali fallimenti. Come per i Paesi, l’impatto dei prezzi dell’energia sarà disomogeneo tra i settori e le aziende e le imprese ad alta intensità energetica sono quelle che stanno sostenendo il peso maggiore di questo periodo di crisi. I profitti dei settori ad alta intensità energetica, come quelli delle utilities, della lavorazione dei metalli e i prodotti chimici, saranno colpiti per primi, con effetti secondari nei settori alimentare, alberghiero e dei trasporti.

Le società di servizi “troppo grandi per fallire” si stanno affidando agli aiuti governativi, mentre le aziende più grandi con ampie riserve di liquidità hanno ridotto la produzione. I produttori di prodotti chimici e di metalli di base stanno passando al carbone a basso prezzo per avere energia e stanno chiudendo la produzione non redditizia.

La tendenza a trasferire i costi sui consumatori ha protetto in modo particolare le aziende che operano in settori ad alto margine o con prodotti di alta qualità. I settori a basso margine e ipercompetitivi come il settore aereo, l’alimentare e i servizi di vendita al dettaglio, in cui aumentare i prezzi per i consumatori significa perdere quote di mercato, saranno ancora più colpiti. Alcuni hanno abilmente spostato i costi sui consumatori all’improvviso. I produttori di carta e cellulosa – anch’essi tra i principali settori ad alta intensità energetica – stanno rendendo i fogli di carta igienica più corti e stretti, mentre le aziende del settore alimentare – colpite indirettamente dall’aumento dei prezzi dei fertilizzanti e delle materie prime – stanno riducendo la quantità di cibo nelle confezioni.

Mai sprecare una crisi

È iniziato un periodo di distruzione creativa accelerato dalla scarsità di energia e dalla volatilità dirompente. Chi si è affidato a infrastrutture tradizionali inefficienti e poco flessibili, basate su combustibili tradizionali, avrà sempre più difficoltà a sopravvivere con l’emergere di crisi e rischi imprevisti.

Iniziamo con le buone notizie. Gli approvvigionamenti di energia rinnovabile erano già in aumento nel 2021 e la precarietà energetica delle imprese dovrebbe sostenere una maggiore crescita nel medio-lungo termine. Nel frattempo, anche gli investimenti in tecnologie efficienti dal punto di vista energetico, dei fattori produttivi e dei processi dovrebbero accelerare, poiché le imprese e le famiglie si adattano alla scarsità come a un “new normal”. I mandati dell’Ue per l’energia solare sui tetti e le pompe di calore ad alta efficienza energetica accelereranno queste tendenze.

La cattiva notizia è che i costi dell’energia, dei fattori produttivi e degli investimenti rimarranno elevati, per cui il consumo energetico deve rimanere sotto controllo. Tuttavia, la crisi è spesso un catalizzatore del cambiamento. I governi, i consumatori e le aziende non dovrebbero lasciare che questa crisi energetica vada sprecata.