Usa, Rex Tillerson: “Iran fuori dall’Iraq”

23 Ottobre 2017, di Alessandra Caparello

WASHINGTON (WSI) – Il Segretario di Stato americano Rex Tillerson ha partecipato a un raro incontro congiunto con i leader dell’Iraq e dell’Arabia Saudita a Riyadh. Lo scopo era quello di coordinare il finanziamento e la ricostruzione del territorio iracheno recuperato dal sedicente Stato islamico.

In seguito Tillerson ha detto che era giunto il momento per tutti i combattenti stranieri di lasciare l’Iraq – in particolare le milizie appoggiate dall’Iran.

“Crediamo che ciò possa contrastare alcune delle influenze improduttive dell’Iran all’interno dell’ Iraq. Certamente, le milizie iraniane che si trovano ora in Iraq, che la lotta contro Daesh e ISIS sta per concludersi, devono tornare a casa “.

Tillerson si riferiva alle Unità di Mobilitazione Popolari – una coalizione di milizie per lo più sciite, molte delle quali appoggiate dall’Iran. Washington teme che Teheran approfitti dei vantaggi ottenuti contro lo Stato islamico in Iraq e Siria per espandere la propria influenza.