Usa, Pmi manifatturiero ai massimi da 5 mesi a ottobre

24 Ottobre 2018, di Alberto Battaglia

La lettura flash dell’indice Pmi manifatturiero Usa rivela un dato ai massimi da cinque mesi, a quota 55,9 nel mese di ottobre (dal precedente 55,6); dato positivo anche per il Pmi servizi che conquista i massimi degli ultimi due mesi a quota 54,7 (dal precedente 53,5).

La lettura flash comprende una quota fra l’85 e il 90% del totale.

 

“Le indagini flash Pmi indicano che il ritmo della crescita economica ha ripreso vigore in ottobre dopo essere stato influenzato principalmente dalle condizioni meteorologiche avverse a settembre. L’indice Pmi è in linea con un livello dell’economia in crescita ad un tasso annualizzato del 2,5%, che lascia ben sperare per un altro robusto trimestre di crescita”, ha dichiarato Chris Williamson, Chief Business Economist di Markit.

“L’economia domestica è rimasta il principale motore della domanda, con le esportazioni stagnanti in mezzo a crescenti segnali di traffico che sono stati attenuati dalle tariffe. I dazi hanno anche guidato un ulteriore forte aumento dei prezzi, esacerbando una tendenza al rialzo delle pressioni sui prezzi sostenute dalla robusta domanda interna. I prezzi medi praticati per le merci sono aumentati a uno dei tassi più rapidi visti negli ultimi sette anni, mentre le tariffe medie per i servizi hanno mostrato il secondo più grande aumento dalla crisi finanziaria globale. La resilienza dell’economia interna a fronte delle preoccupazioni commerciali e le forti pressioni sui prezzi indicate dai dati dell’indagine, aggiungeranno aspettative sul fatto che la Fed aumenterà nuovamente i tassi prima della fine dell’anno”, ha concluso l’economista.