Usa, giudice ripristina protezione a 300mila migranti “colpiti” da Trump

4 Ottobre 2018, di Alberto Battaglia

Un giudice federale ha bloccato la decisione dell’amministrazione Trump di porre fine allo stato di protezione temporanea per oltre 300mila cittadini di El Salvador, Haiti, Nicaragua e Sudan. La mossa ferma temporaneamente il piano dell’amministrazione per costringere i beneficiari – alcuni dei quali hanno vissuto negli Stati Uniti per decenni – a trovare un altro status di immigrazione o ad affrontare l’espulsione.

In un ordine di 43 pagine, il giudice della Corte distrettuale degli Stati Uniti, Edward Chen, con sede a San Francisco, ha concluso che i destinatari subirebbero “indiscutibilmente” danni irreparabili a seguito della decisione di interrompere l’iscrizione.