Usa, fiducia dei consumatori crolla a gennaio

29 Gennaio 2019, di Alberto Battaglia
La fiducia dei consumatori negli Stati Uniti è ampiamente diminuita rispetto ai livelli dello scorso dicembre, da 126,6 a 120,2 punti. Il dato ha superato in negativo le attese degli analisti che avevano previsto una diminuzione contenuta a quota 124,0 punti.
Il giudizio sulle condizioni attuali per il mercato del lavoro e del business resta in linea a quello di un mese fa, con un calo che a gennaio è di tre decimali a 169,6.

“L’indice della situazione attuale è rimasto praticamente invariato, lasciando intendere che le condizioni economiche restano favorevoli. Le aspettative, tuttavia, sono diminuite drasticamente con l’aumentare della volatilità dei mercati finanziari e lo shutdown del governo che ha avuto un impatto sui consumatori”, ha commentato Lynn Franco, Senior Director of Economic Indicators presso il Conference Board, “gli eventi imprevisti come le chiusure governative (ad esempio nel 2013) tendono ad avere un impatto netto ma temporaneo sulla fiducia dei consumatori. Pertanto, sembra che il declino di questo mese sia più il risultato di uno shock temporaneo che un precursore di un significativo rallentamento nei prossimi mesi”.