Upb: con calo spread risparmi di 5,6 miliardi di euro sulla spesa per interessi

20 Novembre 2019, di Alessandra Caparello

I risparmi relativi alla spesa per interessi sui titoli di Stato domestici (che rappresentano circa l’80 per cento del debito lordo complessivo) sarebbero pari a circa 5,6 miliardi nel 2020, per poi crescere nel tempo e raggiungere circa 15,6 miliardi nel 2022, ultimo anno del periodo di programmazione.

Così l’Ufficio Parlamentare di Bilancio nel Flash “L’impatto della riduzione dello spread sulla spesa per interessi”, in cui ha stimato, attraverso il proprio modello di previsione della spesa per interessi, quanto della riduzione prevista nella NADEF sia riconducibile al calo generalizzato dei tassi d’interesse e quanto alla riduzione del “rischio Italia” da parte dei mercati.

Cumulativamente per il periodo 2019-2022, conclude l’Upb, la riduzione di spesa per interessi sui titoli di Stato stimata tra il DEF e la NADEF è dovuta per circa 15,6 miliardi alla caduta generalizzata dei tassi e per circa 14,3 miliardi al calo dello spread.