UE, Dombrovskis in Cina per difendere interessi commerciali e concorrenza leale

di Marco Russo
25 Settembre 2023 09:36

Durante il suo viaggio in Cina, il capo negoziatore commerciale dell’Unione Europea, Valdis Dombrovskis, ha lanciato un avvertimento alla nazione asiatica.

Secondo le dichiarazioni preparate per un discorso chiave alla Tsinghua University, Dombrovskis ha sottolineato che l’UE sarà più decisa nel far rispettare la concorrenza leale e nel difendere i propri interessi. “L’assenza di reciprocità e di equità da parte della Cina, insieme ai più ampi cambiamenti geopolitici, hanno spinto l’UE a diventare più assertiva”, ha affermato Dombrovskis.

La visita di Dombrovskis coincide con i tentativi dell’UE di rafforzare le misure commerciali difensive a sua disposizione. All’inizio del mese, il blocco ha avviato un’indagine anti-sussidi sui veicoli elettrici cinesi, affermando la necessità di proteggere i posti di lavoro e le catene di approvvigionamento in patria, poiché la Cina sta inondando il mercato con veicoli a basso costo.

Il ministero del Commercio cinese ha criticato l’indagine, definendola “un puro atto di protezionismo”. Si prevede che la questione dei veicoli elettrici sarà all’ordine del giorno durante il viaggio di Dombrovskis in Cina. Il capo del commercio dell’UE terrà anche incontri bilaterali con i suoi omologhi e incontrerà i rappresentanti delle imprese europee sia a Shanghai che a Pechino.

Si prevede che i colloqui attuali possano rappresentare un trampolino di lancio per un vertice tra il presidente Xi Jinping e Ursula von der Leyen dell’UE più avanti nel corso dell’anno. “Possiamo scegliere una strada verso relazioni reciprocamente vantaggiose, basate su un commercio e investimenti aperti ed equi, lavorando insieme alle grandi sfide del nostro tempo”, ha affermato Dombrovskis. “Oppure, possiamo scegliere un percorso che ci allontana lentamente, dove i benefici condivisi che abbiamo goduto negli ultimi decenni si indeboliscono e svaniscono. E di conseguenza, le nostre persone e le nostre economie si trovano di fronte a opportunità ridotte”.