Ucraina: un altro tentativo di omicidio politico, bomba contro populista anti russo

26 Ottobre 2017, di Daniele Chicca

Una bomba è esplosa in una strada della capitale dell’Ucraina, ferendo un politico di spicco del paese che da anni è coinvolto in una guerra civile tra i ribelli filo russi dell’est dell’Ucraina e le forze filo europee centrali. Nella deflagrazione di mercoledì sera ha perso la vita la guardia del corpo di Ihor Mosiychuk, un membro del Parlamento facente parte del partito populista di destra radicale, ed è rimasto ferito anche un commentatore politico.

Quello contro Mosiychuk all’uscita da uno studio televisivo dove aveva appena rilasciato un’intervista non è il primo tentativo di omicidio politico in Ucraina, con le autorità che hanno sinora dato la colpa ai servizi segreti della Russia. La polizia ha fatto sapere, tuttavia, che uno degli ultimi episodi è legato a un regolamento di conti della criminalità organizzata e non a un’ingerenza dei russi. Mosiyuchuk ha posizioni politiche polarizzanti e si è espresso spesso sul conflitto nell’area orientale dell’Ucraina, insultando e vessando le autorità della Russia.