Ubs alza il velo sul primo trimestre: utili a +14%, nonostante tegola Archegos

27 Aprile 2021, di Mariangela Tessa

Nonostante le perdite causate del crac dell’hedge fund Archegos, la banca svizzera Ubs chiude il primo trimestre con un utile netto di 1,8 miliardi di dollari (pari a un aumento del 14% su base annua), con un utile diluito per azione di USD 0.49. Il rendimento del capitale CET11 è stato del 18,2%.

“L’inadempienza di un cliente con sede negli Stati Uniti del nostro prime brokerage business ha avuto un impatto di 434 milioni di dollari sull’utile netto attribuibile agli azionisti” si legge nella nota del gruppo, in riferimento alla vicenda Archegos, il family office di Bill Hwang la cui liquidazione è costata miliardi di dollari di perdite a molte banche mondiali come Nomura e Credit Suisse.

Ralph Hamers, CEO di UBS, ha dichiarato:

“Nel primo trimestre del 2021 i nostri clienti hanno beneficiato della nostra vasta offerta in termini di capacità, della nostra presenza geografica e connettività. Hanno continuato a riporre la loro fiducia in noi e si sono rivolti a UBS in cerca di consulenza, soluzioni e leadership di pensiero in un contesto di mercato dinamico. Questo è stato evidenziato dai continui afflussi netti che hanno appoggiato la crescita dei nostri attivi investiti nella gestione patrimoniale e nell’asset management con oltre USD 100 miliardi portandoli a quota 4200 miliardi. Questo fattore, insieme alle condizioni di mercato favorevoli e al miglioramento del clima di investimento, ha contribuito ai risultati positivi del primo trimestre 2021. Nel complesso l’attività dei clienti ha toccato livelli record in tutte le aree operative determinando un aumento dei proventi operativi del 10%, dell’utile ante imposte del 14% e dell’utile netto attribuibile agli azionisti del 14% rispetto al primo trimestre 2020, che a sua volta era stato caratterizzato da risultati robusti.
Tuttavia, i risultati del primo trimestre 2021 hanno anche subito l’impatto di una perdita a seguito dell’inadempienza di un solo cliente con sede negli Stati Uniti dell’attività di prime brokerage. Evidentemente siamo tutti delusi e stiamo prendendo la questione molto sul serio. È in corso una revisione dettagliata dei nostri pertinenti processi di gestione del rischio e stanno per essere messe in atto una serie di misure volte a evitare il ripetersi di situazioni analoghe in futuro. Questo non ha mai ostacolato la nostra capacità di servire i nostri clienti. Malgrado ciò, siamo stati capaci di incrementare il nostro coefficiente patrimoniale CET1 al 14% e ottenere un rendimento del capitale CET1 del 18%. La nostra Investment Bank ha assorbito l’intera perdita. Ciò nonostante ha conseguito un rendimento del patrimonio attribuito del 13%, percentuale che avrebbe superato il 30% se non fosse stato per questo incidente”.