Turchia: effetto golpe, per fare spazio sì all’indulto per 38mila detenuti

18 Agosto 2016, di Alessandra Caparello

ANKARA (WSI) – Il ministro della Giustizia turco, Beki Bozdag annuncia l’adozione del provvedimento di indulto  per coloro che non hanno compiuto reati dopo il 1° luglio.

La decisione è stata presa per far spazio nelle carceri turche alle circa 16 mila persone arrestate dopo il fallito golpe, tra cui militari, giudici, giornalisti e agenti di polizia e dipendenti governativi. Ad essere esclusi dall’indulto coloro che sono stati arrestati per omicidio, terrorismo e minaccia alla sicurezza dello stato. Su Twitter il ministro precisa: “Non è un’amnistia”.