Tungsteno: prezzi al rialzo del 50% in due mesi. C’entra la Cina

12 Settembre 2017, di Alessandra Caparello

PECHINO (WSI) – Al rialzo i prezzi di uno dei materiali più critici per l’economia occidentale, il tungsteno. Negli ultimi due mesi i prezzi del materiale usato per indurire l’acciaio nei missili balistici e nelle punte da trapano sono saliti del 50%.

A dare man forte la Cina da cui proviene circa l’80% di tale metallo che sta bloccando le miniere considerate inquinanti e impone quote di produzione. Il ministro cinese dell’ Industria e dell’ Information Technology ha emesso un provvedimento il 6 giugno, dicendo che i produttori devono attenersi alle quote di produzione e che quelli senza quote, o che superano le quote, devono fermare la produzione.