Trump ha usato per sé oltre 250mila dollari dalle sue fondazioni benefiche

23 Settembre 2016, di Alberto Battaglia

Donald Trump ha usufruito del denaro di una della sue fondazioni non profit per risolvere alcune dispute legali a suo carico, attingendo a oltre 250mila di dollari di donazioni. E’ quanto denuncia un’inchiesta del Washington Post, che ha messo in luce, attraverso l’esame delle carte giudiziarie, due episodi nei quali Trump ha violato le norme sul “self-dealing”, quelle che impediscono a chi è a capo di organizzazioni senza fini di lucro di beneficiare direttamente dei fondi dell’organizzazione. Nel primo caso risalente al 2007, Trump, il cui resort di Palm Beach aveva accumulato 120mila dollari di multe, aveva risolto la disputa con l’amministrazione elargendo 100mila dollari a un ente per i reduci di guerra non con proprie fortune, bensì attraverso la Donald J. Trump Foundation, le cui risorse derivano appunto dalle donazioni di altri soggetti. Nel secondo episodio, un’altra donazione da 158mila dollari, concordata per risolvere una causa che coinvolgeva uno dei campi da golf che Trump possiede a New York, è stata erogata sempre dalla Trump Foundation.