Tribunale di Roma mette al bando UberBlack in Italia

7 Aprile 2017, di Alberto Battaglia

Il Tribunale di Roma, in una sentenza che potrebbe cambiare la mobilità in Italia, ha messo al bando diversi servizi offerti da Uber, tra cui UberBlack, l’app che permette di chiamare una vettura guidata da un professionista. Colpite dalla sentenza, che risponde a un ricorso dei tassisti per concorrenza sleale, anche Uber-Lux, Uber-Suv, Uber-X, Uber-XL, UberSelect, Uber-Van. Entro 10 giorni le attività di Uber sul terriorio nazionale dovranno essere interrotte, i trasgressori saranno puniti con una sanzione di 100 euro per ogni giorno di ritardo a decorrere dal decimo giorno. Prevista anche una multa per la stessa Uber, anche se non è stato chiarito l’importo.

In precedenza era già stata messa al bando in Italia Uber Pop, l’app che permette di ottenere passaggi da privati non professionisti a bordo della loro vettura.