Tito Boeri (Inps): “Jobs Act? In gran parte un successo”

21 Luglio 2016, di Alessandra Caparello

ROMA (WSI) – Secondo Tito Boeri, il presidente dell’Inps, il Jobcs Act, la riforma del lavoro targata Renzi è stata “in gran parte, un successo, con effetti importanti”.

“Nel 2015 c’è stato un forte aumento dei contratti a tempo indeterminato, con un’impennata a fine anno per ottenere gli sgravi pieni. Poi, come era possibile immaginarsi, c’è stato un calo rispetto al 2015, ma il saldo resta comunque positivo e sembra che il numero dei contratti a tempo indeterminato a fine anno sarà stabilizzato”.

Così parla Boeri nel corso di un’audizione al Senato aggiungendo che a contribuire al successo non solo gli incentivi ma anche le tutele crescenti per i nuovi contratti a tempo indeterminato.

“E’ stato fatto quindi un grande scalino nel 2015 e nel 2016 ci si va stabilizzando a quei livelli, più alti. Non siamo tornati al 2014. Era difficile d’altra parte immaginare che continuassero a crescere, anche perché l’economia italiana non sta brillando. C’è stato un effetto, un incremento importante, attribuibile non solo agli incentivi, ma anche alle tutele crescenti. Dire che si è tutto vanificato non è vero, c’è stato un grande cambiamento. E sono diminuite fortemente le cessazioni. Nel 2015 c’è stato un calo molto forte dei licenziamenti, circa del 12%. Daremo dei dati più specifici sui licenziamenti a settembre. Li stiamo approfondendo, cosa che prima non veniva fatta”.