Tesoro coglie l’attimo: riapre emissione Btp a 50 anni

9 Luglio 2019, di Mariangela Tessa

Il ministero dell’Economia sfrutta la fase positiva del mercato obbligazionario per incrementare l’ammontare di un BTp di durata cinquantennale, che aveva lanciato sul mercato per la prima volta nel 2016, con cedola al 2,80% e scadenza 1 marzo 2067.

Sfruttando la forte domanda che in questi giorni, il Tesoro ha affidato a un gruppo di banche (Citigroup, Deutsche Bank, Goldman e UniCredit) il compito emettere una nuova tranche di questo BTp a lunghissima scadenza.

Tale operazione, si precisa in una nota, è coerente con quanto contemplato nelle “Linee Guida per la Gestione del Debito Pubblico 2019” che prevedono, relativamente all’unico titolo Btp sulla scadenza a 50 anni, la possibilità che le successive riaperture possano avvenire sia tramite asta che tramite sindacato.