Terza notte di proteste a Charlotte, ancora intatto il coprifuoco

23 Settembre 2016, di Alberto Battaglia

Ancora tensione a Charlotte, in North Carolina: è stata la terza notte di dure proteste, da parte di centinaia di dimostranti insorti in seguito all’ennesimo atto di violenza razziale da parte della polizia americana nei confronti di un uomo di colore, Keith Lamont Scott. Durante i disordini di ieri, inoltre, un alta persona colpita in circostanze poco chiare da alcuni spari, è morta in seguito alle ferite riportate. Resta intatto un coprifuoco da mezzanotte fino alle sei; il governatore della North Carolina aveva dichiarato lo stati emergenza a Charlotte, dispiegando la Guardia Nazionale al fianco della polizia.
Scott, la vittima, sarebbe stato colpito a morte dalla polizia in quanto armato; i famigliari negano con forza questa versione.