Terremoto, Protezione Civile: 2.100 sfollati, 238 estratti vivi dalle macerie

26 Agosto 2016, di Laura Naka Antonelli

Gli sfollati del terremoto del centro Italia, al momento ospitati nelle tende e dei campi, sono circa 2.100, “a fronte di una disponibilità complessiva di 3.500 posti letto”. Lo ha detto dal punto stampa della sede centrale del dipartimento a Roma il numero uno dell’ufficio emergenze della Protezione civile, Immacolata Postiglione:

“Dove ci fosse bisogno di integrare la Protezione civile può farlo immediatamente con posti letto in zona a cui si sommano le strutture ricettive più lontane nelle stesse regioni o in altre che hanno dato disponiblità. I centri di assistenza sono ad Amatrice, Accumoli, Arquata, Montegallo e tra Fermo e Macerata. Oltre a queste ci sono le persone accolte nelle strutture in Umbria, circa 600 (..) Sono ancora operativi i posti medici avanzati, vicino alle aree in cui si opera per la ricerca di persone, laddove ci fossero interventi urgenti da fare. Ad Amatrice è in allestimento un Pas, posto di assistenza sanitaria, che funge da poliambulatorio, che va a sostituire strutture ambulatoriali non più disponibili” e sono all’opera anche “gli psicologi, che operano sugli operatori, sulle famiglie con vittime e su chi ne avesse bisogno”.

Postiglione ha comunicato anche che, stando ai dati disponibili nella serata di ieri, sono 238 le persone estratte vive dalle macerie tra Rieti e Ascoli Piceno.