Tagliati 70 ceppi nella vigna di Bruno Vespa

29 Agosto 2016, di Alberto Battaglia

Probabilmente un avvertimento: settanta ceppi di una vigna di proprietà del giornalista Bruno Vespa sono state tranciate in nottata da ignoti, presso Lizzano (Taranto). “Non mi lascio intimidire”, ha dichiarato Bruno Vespa, “ Si tratta evidentemente di opera di piccoli mafiosi locali”.

“Un sinistro messaggio ad un settore produttivo importante, vera punta di diamante dell’economia agricola tarantina” ha detto Luca Lazzaro, presidente di Confagricoltura Taranto, nel manifestare la propria solidarietà al giornalista, “Per questo siamo al fianco di Vespa, al quale chiediamo di non mollare e di continuare a restare attaccato alle sue terre a produrre vino, come uno di noi”.