State Street, da Bce pochi segnali su possibile utilizzo delle Omt

25 Ottobre 2018, di Alberto Battaglia

“Nelle attuali condizioni di mercato, in cui vi sono prove tangibili di problemi in Italia che si riversano anche in Spagna, l’elemento più degno di nota è proprio l’inerzia della Bce. Ci sono pochi segnali che indicano che la Banca Centrale ripristinerà le Outright Monetary Transactions (OMT) o uno strumento politico analogo in grado di mitigare i movimenti dei mercati obbligazionari senza che un paese faccia parte di un vero e proprio programma di salvataggio. Inoltre, non ci sono nemmeno indicazioni esplicite su eventuali modifiche alla politica di reinvestimento della Bce. Siamo arrivati ad un punto in cui qualsiasi misura da intraprendere potrebbe essere tardiva”, così Michael Metcalfe, responsabile globale macro strategy di State Street Global Markets, in seguito agli annunci di politica monetaria da parte della Bce.

“In linea con le attese a livello globale, la BCE ha lasciato invariati i tassi. (…) l’euro, per ora, potrebbe continuare a mostrare una certa debolezza nei confronti del dollaro”, ha aggiunto Antoine Lesné, responsabile Strategia e Ricerca EMEA di SPDR ETFs.