Spagna chiuderebbe attività amministrative Catalogna in caso di secessione

25 Settembre 2017, di Daniele Chicca

Se la regione con mire secessionistiche della Catalogna otterrà quello che vuole con il voto di domenica primo ottobre, il governo spagnolo si dice pronto a chiudere le attività delle amministrazioni locali. Incuranti del monito dell’esecutivo di Madrid, che giudica il referendum sull’indipendenza della regione autonoma una violazione della costituzione, le autorità della Catalogna intendono andare avanti con i loro piani.

Domenica, quando il governo della Catalogna terrà il voto sull’indipendenza, un referendum vincolante sulla secessione della regione dal governo centrale, si prospetta uno scontro senza precedenti tra Madrid e Barcellona e non si parla del derby della Liga, il campionato di calcio spagnolo. Da Madrid il governo Rajoy continua a dichiarare il referendum illegale e promette che non consentirà che si svolga. Secondo i sondaggi circa il 40% dei catalani è favorevole all’indipendenza, mentre la maggior parte dei cittadini della regione Catalogna vorrebbe che il referendum si svolgesse.