Rousseff, chiesto nuovo procedimento per intralcio alla giustizia

4 Maggio 2016, di Alberto Battaglia

Il presidente del Brasile, Dilma Rousseff, sui pende già un procedimento per la messa in stato d’accusa, rischia un’ulteriore indagine giudiziaria a suo carico non collegata all’impeachment.
Il procuratore generale Rodrigo Janot, infatti, ha chiesto alla Corte Suprema di aprire un’inchiesta per per intralcio alla giustizia nell’ambito dello scandalo Petrobas, il gigante statale dell’industria petrolifera. La notizia è stata diffusa dal media nazionale, Globo News; coinvolto in questo nuovo procedimento giudiziario ci sarebbe anche il predecessore della Rousseff, Luiz Inacio Lula da Silva.
Il Senato brasiliano, dopo il voto della Camera, è chiamato a pronunciarsi la settimana prossima sull’impeachment della Rousseff, una volta ratificato dall’altro ramo del parlamento il mandato del presidente sarebbe sospeso.