Renzi attacca Conte sulla Fase 2: “Norme incomprensibili”

27 Aprile 2020, di Alberto Battaglia

“Chi è lo Stato per decidere se andare a trovare un cugino e non la fidanzata? Queste norme sono incomprensibili”: lo ha dichiarato il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, nel corso di un’intervista al Tgcom24: “Dirò la mia a Conte giovedì in aula al Senato”.

Secondo Renzi l’apertura profilata nel nuovo Dpcm non sarebbe sufficiente: “Riapriamo o moriremo di fame invece che di coronavirus […] la nostra economia rischia di essere devastata. Non possiamo continuare ad avere questo problema mentre gli altri Paesi ci mangiano fette di mercato. I posti occupati in terapia intensiva sono calati. Noi oggi non abbiamo l’emergenza di due, tre mesi fa quindi riapriamo le fabbriche, altrimenti non moriamo di Covid ma di fame”.

“Questo decreto non è che io lo posso cambiare come senatore: farei un bell’emendamento. Ma perché il premier ha scelto di fare un Dpcm e non un decreto legge? Se fosse così lo cambieremmo ma invece non è così”.