Regno Unito: bene la produzione industriale, preoccupa settore costruzioni

9 Marzo 2018, di Daniele Chicca

Giornata a luci e ombre per l’industria britannica: la produzione industriale ha registrato un’espansione dell’attività in gennaio, anche se a un ritmo un po’ più lento rispetto al previsto. La produzione industriale è cresciuta dell’1,3% nel primo mese dell’anno, mentre le aspettative di mercato erano per un incremento dell’1,5%. La produzione manifatturiera è salita dello 0,1% su base mensile, meno dello 0,2% atteso.

A rappresentare una brutta notizia sono invece i dati giunti dal fronte del settore delle costruzioni. Il comparto ha iniziato l’anno con un crollo del 3,4% dell’attività su base mensile, molto peggio del meno 0,3% pronosticato dagli economisti. L’agenzia ONS si è riferito al settore come “l’anello debole” dell’economia britannica. La principale componente dietro ai cali è stata quella delle che private, un elemento che ridimensiona le speranze del governo di Theresa May di raddrizzare il problema grave per ogni mercato immobiliare, accentuatosi dopo la Brexit, della carenza di case in offerta sul mercato.