Rapporto intelligence Usa avverte: Isis va sconfitto sul terreno

7 Dicembre 2015, di Alberto Battaglia

Un rapporto redatto da diversi organi di intelligence statunitensi (tra cui Cia, Dia e Nsa) avverte: la minaccia dell’Isis non è contenuta alla Siria, come in un primo momento dichiarato dalla Casa Bianca, e si spargerà globalmente a meno di non infliggere grosse perdite sul territorio. Ad affermare l’esistenza di questo rapporto confidenziale sono due fonti interne al Daily Beast.

Tale documento contiene una “tacita ammissione” sull’inefficacia dei raid nel contenere la minaccia terroristica dello Stato Islamico a livello transnazionale. Lo studio, commissionato prima dei tragici eventi di Parigi e di San Bernardino, ha portato all’attenzione del governo la dimensione del pericolo di Isis. Barack Obama avrebbe dunque già chiesto al Segretario della Difesa, Ashton Carter, e al generale Joseph Dunford l’elaborazione di una nuova strategia risolutiva.