Randstad: imprese a caccia di temporary Cfo, richiesta in crescita dell’80% trimestrale

14 Luglio 2020, di Alberto Battaglia

L’emergenza Covid-19 ha posto le imprese di fronte alla necessità di trovare nuove strategie e soluzioni per pianificare la ripresa e tornare rapidamente alla normalità. Si spiega così il boom di richieste di Temporary Manager e di Fractional Manager, rilevato da Randstad Professionals, la divisione specializzata in ricerca e selezione di middle, senior e top management di Randstad, primo operatore mondiale nei servizi per le risorse umane, che dall’1 marzo al 30 maggio riscontra un +80% nelle richieste di questi profili rispetto al trimestre precedente.

“L’emergenza Covid19 ha richiesto alla maggioranza delle imprese di riorganizzare strategia e processi per garantire competitività o per guadagnare posizioni rispetto alla concorrenza nei casi di piena attività o le ha costrette a ridisegnare il core business quando non è stato possibile ripartire nel breve-medio termine. In questo contesto, inserire un Temporary Manager offre una strategia vincente per accelerare il business, rivedere i processi, aggredire nuovi mercati o semplicemente implementare strumenti necessari alla sopravvivenza o al rilancio dell’azienda”, analizza Maria Pia Sgualdino, Head of Randstad Professionals.

Nel dettaglio, oltre il 50% dei Temporary CFO intervistati ha maturato la sua ultima esperienza professionale in aziende con meno di cento dipendenti, il 25% in grandi imprese con oltre mille dipendenti. I settori di appartenenza sono soprattutto quelli dei servizi (27,7%) e dell’industria (26,2%), seguiti da automotive (8,2%), food & beverage (7,4%), fashion e retail (7%).

Il background accademico del Temporary CFO rivela una netta prevalenza di professionisti con una laurea in Economia e Commercio/Finanza (80%), il 7,5% si è laureato in altre facoltà. Il 10,2% dei candidati si presenta sul mercato con un diploma di scuola media superiore. La grande maggioranza del campione ha un’esperienza di oltre 20 anni nel ruolo di CFO. Per quanto riguarda la permanenza nel ruolo, il 30% vanta missioni di durata inferiore ai dodici mesi. Da rilevare inoltre una significativa presenza di professionisti attualmente inoccupati (oltre il 20%).